L'annuncio: una fondazione nel nome di Sebastiano Tusa :ilSicilia.it

la sta costituendo la moglie valeria patrizia li vigni

L’annuncio: una fondazione nel nome di Sebastiano Tusa

di
18 Novembre 2019

Una fondazione per raccogliere l’eredità, il patrimonio scientifico, culturale, umano di Sebastiano Tusa, l’archeologo siciliano, ideatore e fondatore tra le altre cose della Soprintendenza del mare nonché assessore regionale ai Neni culturali della Sicilia, morto nel marzo scorso in Africa nello schianto del volo  della Etiopian Airlines  diretto a Nairobi.

Ad annunciarlo a Paestum alla Borsa mediterranea del Turismo archeologico, è stata la vedova Patrizia Li Vigni,  sua compagna di studi, che ne ha raccolto il testimone alla Soprintendenza del mare e alla quale il presidente della Bmta Ugo Picarelli ha consegnato il premio Mario Napoli alla memoria.

“E’ una grande responsabilità – si è commossa Li Vigni – dovrò cercare di portare avanti con dignità e compassione questo ruolo, La sfida è portare avanti il percorso avviato da lui con intelligenza e senza mai adagiarsi sugli ostacoli che continuamente si pongono”.  Un compito affrontato con entusiasmo e passione per portare a compimento “i tanti progetti che avevamo condiviso”, ma non senza difficoltà, rivela la studiosa, impegnata ora a rilanciare i piani ai quali Tusa stava al momento della sua tragica e prematura scomparsa. “In particolare ci stiamo concentrando sugli itinerari subacquei – anticipa – l’idea è quella di unire questi itinerari alla rete dei parchi archeologici, offrendo ai visitatori una doppia possibilità: quella di seguire le ricerche subacquee dal museo grazie a postazioni di telerilevamento, oppure di fare vere e proprie escursioni subacque  sui luoghi interessati dai resti archeologici guidati da driver professionisti”.

Tra le scoperte più importanti di Tusa, frutto di anni di meticoloso lavoro,  l’esatta localizzazione della battaglia delle Egadi, lo scontro navale con i cartaginesi che determinò la vittoria romana nella prima guerra punica nel 241 a.C. E proprio a questo feroce e  determinante scontro navale, ritenuto una delle battaglie più importanti della storia, è dedicato l’ultimo libro di Tusa , uscito postumo in questi mesi, con una prima tiratura limitata di 150 copie,  sottolinea Patrizia Li Vigni, “grazie all’aiuto dei miei figli che hanno fatto da sponsor”. La speranza, ora, conclude la vedova,  è che si possa procedere ad una nuova più consistente tiratura dell’opera, pubblicata in inglese da Bretschneider. Quanto alla Fondazione che dovrebbe portare il suo nome,  precisa Li Vigni, “si tratta di una proposta del presidente della Regione Sicilia Musumeci: c’è già una sede individuata, siamo fiduciosi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.