L'Antimafia nazionale avvia un'inchiesta sul sistema Montante :ilSicilia.it

prime audizioni martedì 22 ottobre

L’Antimafia nazionale avvia un’inchiesta sul sistema Montante

21 Ottobre 2019

Il caso Montante arriva a Roma. L’Antimafia nazionale ha intenzione di accendere i riflettori sul caso giudiziario di Caltanissetta. L’imprenditore nisseno, condannato a 14 anni per associazione per delinquere finalizzata alla corruzione e accesso abusivo a sistema informatico, è anche indagato a Caltanissetta per riciclaggio. Adesso i pm e gli addetti ai lavori cercano i fondi con i quali probabilmente l’ex big di Confindustria avrebbe pagato mazzette in circostanze tutte da chiarire. A Roma prende il via un’indagine ufficiale e il consiglio di presidenza della commissione ha già fissato le prime due audizioni, entrambe in programma per domani (martedì 22 ottobre ndr). Si apre con l’audizione del giornalista Gianpiero Casagni. Poi seguirà, in serata, Attilio Bolzoni.

I due giornalisti, entrambi parte civile del processo in corso, sono stati i primi ad anticipare il terremoto che ha investito oltre che l’ex presidente di Confindustria anche numerosi soggetti che riguardano la politica, le forze dell’ordine e le istituzioni. Inoltre, i due sono stati entrambi oggetto di dossieraggio da parte di quella “rete” che aveva costruito Montante attraverso sue persone di fiducia.

Il presidente della commissione Antimafia, Nicola Morra, vuole capire, in primis, il rimpallo di responsabilità fra Viminale e Palazzo Chigi, sulla mancata costituzione come parte civile al processo Montante. Inoltre cercherà di far luce sulle ombre e frequentazioni che l’ex paladino dell’antimafiaaveva innescato al di là della Sicilia.

Questo è quanto scrive il presidente Morra su Facebook: “La storia di Montante non appartiene solo a lui perché dentro di sé ha un pezzo d’Italia con il sangue marcio, avvelenata dalle convenienze e dai ricatti, un’Italia che si fa sempre sedurre dell’esclusività dei cerchi chiusi, che cede sempre ad impulsi osceni, che per sopravvivere a se stessa non esita ad aggregarsi in forme non percepibili alla vista ma che trasudano umori infetti. Un’Italia asservita alle mafie ‘incensurate’, un’Italia da bonificare convincendola a seguire la logica della verità, delle regole, e non della furbizia e della convenienza individuale”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.