"L’Aperi-Libro con l’autore della libreria Nuova Ipsa": questa settimana ospite la scrittrice Agata Bazzi :ilSicilia.it
Palermo

venerdì 20 settembre

“L’Aperi-Libro con l’autore della libreria Nuova Ipsa”: questa settimana ospite la scrittrice Agata Bazzi

18 Settembre 2019

Incontri d’autore con aperitivo. Continua per il nono appuntamento, venerdì 20 settembre, alle 18,30, nella libreria Nuova Ipsa (via dei Leoni, 71), la rassegna “AperiLibro”, a cura della stessa casa editrice.

Nuova ospite in libreria è la scrittrice Agata Bazzi, autrice della saga sulla famiglia Ahrens a Palermo “La luce è là” (Mondadori). I lettori potranno incontrare Agata Bazzi in un dialogo aperto a partire dai temi del suo ultimo romanzo. La formula è la stessa: durante la serata, ogni lettore potrà consumare un aperitivo servito al tavolo.

Agata Bazzi è nata a Palermo nel 1956 e ama definirsi “un architetto pubblico”. Ha vissuto a lungo a Milano. Tornata a Palermo si è dedicata alla sua città come tecnico ed è stata, per alcuni anni, assessore al territorio. Continua a lavorare nella pubblica amministrazione. Per Mondadori ha esordito con una saga familiare che ripercorre la storia della città, attraverso una biografia privata che diventa Storia di tutti.

Gli incontri con aperitivo hanno un limite massimo di 40 persone. Ingresso gratuito, con prenotazione obbligatoria solo per aperitivo al numero 091.6819025.

Il prossimo appuntamento con “Aperi-Libro” è venerdì 27 settembre, alle 19, con l’autore Maurizio Lucchese. Potete già prenotare il vostro posto tramite il sito www.aperilibroconautore.it, oppure chiamando in libreria allo 091.6819025.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.