L'appello di Federalberghi alla Regione: "Ripristinare i collegamenti veloci con le isole minori" :ilSicilia.it

La richiesta di Christian Del Bono

L’appello di Federalberghi alla Regione: “Ripristinare i collegamenti veloci con le isole minori”

di
16 Giugno 2020

Federalberghi Isole Minori Sicilia scrive all’Assessore Regionale alle infrastrutture e alla mobilità, Marco Falcone, al Presidente Musumeci, all’Assessore al Turismo Manlio Messina, ai Sindaci e alle società di navigazione per chiedere il pieno ripristino dei collegamenti con mezzi veloci con le isole minori.

Con ordinanza n. 23 del 3 giugno 2020, il Presidente Musumeci, accogliendo le richieste dei Sindaci delle Isole Minori e delle associazioni locali – dimostrando grande sensibilità istituzionale ed attenzione per le isole minori – prevedeva che gli esercenti di servizi di trasporto pubblico locale di linea riprendessero ad effettuare i servizi di collegamento secondo gli assetti stagionali previsti. Tali disposizioni venivano reiterate con la successiva ordinanza (n. 25) del 13 giugno.

Ad ormai due settimane dalla prima ordinanza, gli assetti cosiddetti invernali, sia pure nei giorni scorsi lentamente incrementatisi, risultano ad oggi ancora deficitari. Questo, soprattutto nel comparto Eolie, sta creando non pochi disagi sia ai visitatori che a pendolari e residenti.

Gli assetti estivi, la cui entrata in vigore, è prevista a partire dal 20 giugno (il 10 per Pantelleria) non risultano in atto ancora prenotabili. Questo, oltre a ridurre il numero di mezzi disponibili sulle varie tratte (vedi Eolie, Egadi e Ustica), ne elimina alcune totalmente. È il caso della tratta Messina-Eolie non ancora ripristinata e in atto prenotabile solo dal 1° luglio o la Palermo – Eolie che dovrebbe essere in funzione dal 20 giugno ma che in atto non risulta ancora prenotabile. Stesso ragionamento per la Lampedusa – Porto Empedocle che dovrebbe essere prenotabile dal 20 giugno ma che in atto lo è solo dal 1° luglio e la Trapani-Pantelleria che parte con una settimana di ritardo (17 anziché il 10 giugno).

“Le nostre imprese stanno facendo uno sforzo enorme tra il folle e l’eroico per ripartire e dare lavoro ai propri collaboratori, cercando di salvare il salvabile di quel che rimane della peggiore stagione turistica di sempre – osserva Christian Del Bono, Presidente Federalberghi Isole Minori Sicilia -. Chiediamo di non essere ulteriormente penalizzati e di ripristinare gli assetti previsti dai contratti di servizio in essere e di rendere immediatamente prenotabili i servizi relativi agli assetti estivi. Chiediamo, inoltre, il calcolo delle corse sin qui non effettuate affinché vengano recuperate nei periodi a maggiore intensità di traffico (agosto e i fine settimana) e di poter mantenere gli assetti estivi sino ad almeno il 20 ottobre. A tal proposito, chiediamo la definizione sin da subito di piani integrativi speciali elaborati in funzione del recupero delle corse e della ridotta capacità dei mezzi a seguito delle restrizioni Covid-19, così come già richiesto con nostra nota del 2 giugno scorso”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.