L'appello di Reina al settore beauty: "Rispettare i protocolli di sicurezza, ne va del nostro futuro" | VIDEO :ilSicilia.it

Dopo l'ultimo Dpcm

L’appello di Reina al settore beauty: “Rispettare i protocolli di sicurezza, ne va del nostro futuro” | VIDEO

di
19 Ottobre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

A causa dell’impennata di contagi dell’ultimo periodo la situazione Coronavirus in Italia è tornata ad essere seria a tal punto da richiedere ulteriori restrizioni che, a prescindere dalla condivisibilità, purtroppo sono destinate ad avere un impatto su attività già provate dal lockdown di Marzo.

Un fronte comune e importante sul quale si gioca la battaglia per il contenimento del contagio e dunque per la ripresa della normalità economica e non è quello legato al rispetto dei protocolli di sicurezza. Vale per la vita quotidiana, vale per le attività commerciali e produttive che lavorano a stretto contatto con il pubblico.

A dispetto di voci e indiscrezioni che avevano allertato l’intero settore, parrucchieri, barbieri e l’intero indotto del settore beauty non hanno, almeno al momento, subito ulteriori restrizioni. Per la categoria questa è un’ottima notizia ma resta comunque intatta l’esigenza di tenere alta l’attenzione sul tema della sicurezza sanitaria nei saloni e nei luoghi di lavoro.

In questa precisa direzione vanno le parole di Nunzio Reina, responsabile area produzione di Confesercenti Sicilia, che nel duplice ruolo di titolare d’impresa e rappresentante di settore, si è rivolto agli esponenti della sua categoria in un video.

Nunzio Reina
Nunzio Reina

Reina ha sottolineato come per la categoria la non chiusura corrisponda al momento della responsabilità: “Dopo le paure di venerdì e sabato con le voci di una chiusura di parrucchieri e centri estetici abbiamo la conferma che non si chiude. Però non è assolutamente finita qui, è iniziata qui. Il Dpcm ieri è stato chiaro richiedendo maggiore responsabilità e attenzione anche perché lo stato non permetterà più chiusure poiché non è in grado di garantirci. Quindi partendo da questo dico a tutti i colleghi che mi stanno ascoltando la massima attenzione a far funzionare i protocolli all’interno delle nostre aziende”.

Il responsabile area produzione di Confesercenti Sicilia ha invitato con decisione i pochi esercenti che non si sono adeguati al rispetto dei protocolli richiesti per la categoria: “Allo stato attuale noi non abbiamo avuto grossi problemi ma c’è ancora una quantità minima di parrucchieri che non mette in atto le disposizioni del protocollo. La mascherina non va abbassata sotto il naso, bisogna usare la visiera se si è a contatto con i clienti e utilizzare mantelle mono uso. Questo ci permetterebbe di non avere problemi. Come siamo stati bravi a dire a Roma che chi può offrire un servizio concreto e aderente alle regole igienico-sanitarie è il parrucchiere all’interno della sua azienda dobbiamo essere responsabili noi”.

Reina ha infine voluto sottolineare che le conseguenze del mancato rispetto dei protocolli sarebbero devastanti economicamente e favorirebbero l’abusivismo: “Attenzione perché se c’è un problema di chiusura per noi ci sarà l’apertura per gli abusivi, tanti fanno già pubblicità su tutti i social. Andiamo avanti attenendoci scrupolosamente e in maniera maniacale ai protocolli. Chi volesse sa dove trovarmi in  caso di contagio avvenuto all’interno dell’azienda: sappiamo cosa bisogna fare in questo caso. Non abbassiamo la guardia. Se dovesse esserci un nuovo lockdown non prenderemmo più soldi quindi ci vuole massima attenzione a salvaguardia nostra, della nostra famiglia, dei nostri clienti, dei nostri collaboratori ed un impegno sociale”

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin