L'appello di un gruppo di docenti e professionisti a Grasso: "Si candidi, abbiamo bisogno di lei" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

La lettera, sottoscritta da una dozzina di persone

L’appello di un gruppo di docenti e professionisti a Grasso: “Si candidi, abbiamo bisogno di lei”

di
15 Luglio 2017
Pietro Grasso

“Il prossimo presidente della Regione dovrà riconsegnare la speranza a questa terra bellissima e disgraziata e restituire decoro alle istituzioni pubbliche. Presidente Grasso, le chiediamo un atto di amore: chiediamo la sua disponibilità a candidarsi”. Lo scrivono in una lettera un gruppo di docenti, proessionisti e intellettuali al presidente del Senato Piero Grasso, chiedendogli di candidarsi alla presidenza della Regione siciliana.

Quel che viene all’occhio è che a firmare l’appello non c’è il gotha della cultura siciliana, ma nomi che ai più dicono poco.

Fra i firmatari, Vincenzo Di Fresco, socio fondatore della fondazione Giovanni Falcone, Marco Stassi, presidente dell’Adiconsum di Palermo e Trapani, Davide Camarrone, giornalista della Tgr Sicilia, il commercialista Giovanni Giammarva, il presidente del football club Antimafia Isidoro Farina, il docente dell’università di Palermo Giuseppe Notarstefano, la docente e scrittrice Mari Albanese, le dirigenti scolastiche Daniela Crimi e Maria Luisa Simanella, il direttore del teatro Al Massimo Aldo Morgante, la docente di religione Anna Maria Saitta, il presidente del museo dell’Opera dei Pupi  di Caltavuturo Angelo Sicilia e il penalista Salvo Battaglia.

“Presidente Grasso, la Sicilia ha ancora bisogno di Lei – si legge nella lettera-appello – Non possiamo e non vogliamo vivere in una terra che si accontenta del pareggio, considerandolo già una vittoria. Abbiamo piuttosto bisogno di un presidente della Regione che muova per primo, che spinga la palla in avanti, che costruisca le azioni necessarie a rompere il muro di immobilismo e di malaffare che pregiudicano lo sviluppo e il lavoro”.

E ancora: “Siamo consapevoli di chiederle un sacrificio personale non indifferente, ma ci permettiamo di farlo perche’ conosciamo l’amore che lei nutre per la nostra terra da sempre e, ancor di piu’, dal 6 gennaio 1980”. “Quanti sostengono che la ‘seconda carica dello Stato non puo’ essere tirata per la giacchetta’ in realta’ creano un alibi per coloro che non la vogliono tra i piedi – aggiungono i firmatari – Del resto fu lo stesso Giovanni Falcone ad affermare che lo Stato deve mettere in campo le proprie risorse migliori”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin