L'arbitro di Frosinone-Palermo lavorerebbe con l'avvocato dell'ex presidente della squadra ciociara | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

particolari da approfondire

L’arbitro di Frosinone-Palermo lavorerebbe con l’avvocato dell’ex presidente della squadra ciociara

di
19 Giugno 2018

Particolari da approfondire emergono sulla partita, finale di play off, Frosinone – Palermo, che continua a fare discutere i tifosi e non solo, soprattutto sul comportamento dell’arbitro.

A svelare una strana vicenda è il sito sportivo Mediagol.it, secondo cui l’arbitro del match, Federico La Penna, avrebbe un rapporto lavorativo con lo studio legale dell’avvocato che difese l’impresa dell’ex presidente del Frosinone: “Sono almeno quattro – scrive Mediagol – gli atti del Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio e uno del Consiglio di Stato in cui nel 2011 l’avvocato Stefano Vinti, titolare dello “Studio Vinti & Associati“, viene citato come difensore dell’Impresa Benito Stirpe Costruzioni Generali S.p.A (due decreti cautelari, due ordinanze cautelari, un dispositivo di sentenza e una sentenza)”.

Cosa c’entra questo con la partita? Secondo quanto ricostruito dal giornale online “sulla base di alcuni documenti – è emerso – questo collegamento indiretto tra La Penna e il Frosinone Calcio”

Infatti, nel sito dello Studio Vinti & Associati, tra i nomi elencati di professionisti, figura anche quello di Federico La Penna, arbitro dell’AIA per le partite di Serie A e Serie B, ma, a quanto pare, anche noto avvocato di cui lo studio si avvale, presso la sede di Roma.

Adesso – continua l’articolo su Mediagol –  ci si interroga per legittimo dovere di cronaca se il legame tra l’arbitro-avvocato La Penna, lo studio associato con cui collabora dal 2008, l’avvocato Stefano Vinti e una delle aziende che ha lavorato al nuovo stadio del Frosinone di proprietà della famiglia Stirpe si possa considerare “legame indiretto” con la società “Frosinone Calcio” e se questo eventualmente sia stato trasmesso all’AIA nel rispetto del proprio regolamento che al Titolo V, Capo Primo, Art. 40 (che riportiamo sotto) richiede a tutti gli arbitri di “compilare con assoluta veridicità la propria scheda anagrafica personale ed il proprio foglio notizie, tramite la piattaforma informatica AIA, ed a segnalare immediatamente eventuali variazioni, compresi cambi di residenza e/o domicilio, nonché la sussistenza di qualsiasi eventuale rapporto, diretto o anche indiretto, con società calcistiche, al fine di permettere la tempestiva verifica di situazioni di incompatibilità”.

A questo punto, viste le polemiche sorte a seguito della partita, Frosinone-Palermo, per non alimentare ulteriori ombre, cominciate sin dalla designazione dell’arbitro della sezione di Roma1, per dirigere una partita, in una città ad appena un’ora di strada da Frosinone, conclude l’articolo “sarebbe opportuno verificare se nella piattaforma informatica dell’AIA queste informazioni siano state a suo tempo inserite ed eventualmente come sono state valutate“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.