L'Arenella di Palermo preda di inciviltà e spazzatura: "Degrado vergognoso" | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

la denuncia

L’Arenella di Palermo preda di inciviltà e spazzatura: “Degrado vergognoso” | FOTO

di
18 Agosto 2020

Un quartiere marinaro che potrebbe essere l’invidia d’Europa e che invece è diventato luogo di degrado, inciviltà e incuria. Parliamo dell’Arenella di Palermo, borgata cittadina oggi lasciata in balia di sporcizia, rifiuti, scheletri di barche abbandonati e spazzatura sparsa un po’ ovunque intorno alle strade.

Il quartiere marinaro è completamente abbandonato dalle istituzioni – è la segnalazione arrivata da un residente che da anni abita in zona –, infatti oltre la sporcizia siamo invasi dalla spazzatura, ratti, scarafaggi, pulci e zecche, gatti e cani randagi, escrementi di animali sui marciapiedi, auto posteggiate nei divieti di sosta e in seconda e terza fila e sui marciapiedi, locali abusivi che occupano il suolo pubblico, posteggiatori di auto e barche abusivi, spacciatori, all’interno del porticciolo antico, malgrado il divieto di balneazione per motivi di pericolo dovuto alle imbarcazioni che vi transitano, è pieno di bagnanti che vi campeggiano, stessa cosa nella grande spiaggia formatasi artificialmente lungo la via della Leva, centinaia di persone che campeggiano con tende di fortuna, allacciati abusivamente alla rete elettrica e idrica, il tutto senza alcun rispetto per le regole inerenti il distanziamento sociale“.

Insomma, chi più ne ha, più ne metta. E non è bastato rivolgersi a chi di dovere: “Malgrado le diverse denunce, nessuna autorità ad oggi ha fatto nulla per contrastare questo degrado vergognoso – è la testimonianza del residente – Come se non bastasse, le mura della Tonnara Florio e del vecchio molo, entrambe dichiarati monumenti di interesse storico, sono deturpate dai murales“.

Infine, il residente si rivolge al Sindaco Leoluca Orlando: “Si è vantato di essere riuscito a fare nominate a lettere maiuscole PALERMO CITTÀ DELLA CULTURA, ma mi chiedo quale cultura – è la conclusione – se in una città Europea nel 2020, si vivono situazioni di degrado che non si vedono nemmeno nei paesi del terzo mondo“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin