20 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.47
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11

Tutto rinviato al 2019

L’Ars proroga la stabilizzazione dei Pip e dei precari dei Comuni in dissesto

7 dicembre 2018

Alla fine l’Assemblea regionale siciliana ha deciso di intraprendere la strada della prudenza per raggiungere la meta della stabilizzazione dei 2.008 lavoratori ex Pip del bacino “Emergenza Palermo”, prorogando i termini per il passaggio alla Resais, la società partecipata dalla Regione Siciliana, al primo luglio 2019.

L’Ars ha prorogato anche il termine per la stabilizzazione dei precari dei Comuni in dissesto economico-finanziario, previsto sempre per la fine del 2018. Quest’ultimi avranno tempo fino al 2019.

Gli ex Pip avrebbero dovuto decidere se passare alla Resais entro il 31 dicembre prossimo, ma gli ostacoli sono stati ritenuti dai deputati troppo pericolosi. Sulla norma, infatti, pende il giudizio di legittimità della Corte costituzionale che potrebbe annullare i nuovi contratti di assunzione e addirittura espellere i lavoratori fuori dal bacino in cui si trovano, facendo perdere loro anche il diritto al sussidio. Per questo, secondo i parlamentari, è meglio aspettare, per conoscere il giudizio dei giudici e quindi agire di conseguenza.

Una soluzione di buon senso che però non piace agli ex Pip e alle organizzazioni sindacali, che in questi giorni hanno protestato chiedendo a gran voce l’applicazione della legge: “la politica deve assumersi le proprie responsabilità”, hanno gridato nei sit-in e nei cortei. Se su questo punto le aspettative sono state disattese, i lavoratori possono ritenersi soddisfatti per quanto riguarda le garanzie richieste sul pagamento delle indennità di novembre e dicembre. E’ stato, infatti, approvato l’emendamento che integra il fondo a loro dedicato con altri 5.5 milioni di euro.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.