"L'arte oltre la materia": all'Orto Botanico la retrospettiva su Giovanni De Simone :ilSicilia.it
Palermo

Fino al 29 maggio

“L’arte oltre la materia”: all’Orto Botanico la retrospettiva su Giovanni De Simone

1 Aprile 2019

Un’ampia retrospettiva dedicata all’opera di Giovanni De Simone (Palermo 1930-1991) è esposta nel Padiglione Tineo dell’Orto Botanico, sede espositiva dell’Università di Palermo, istituzione organizzatrice dell’iniziativa, dal titolo “L’arte oltre la materia – Ceramiche Disegni, Dipinti“.

Nella Sicilia del ‘900, regno della ceramica di tradizione, Giovanni De Simone è stato sicuramente l’artista-artigiano più rappresentativo e creativo, colui che ha portato una ventata d’aria nuova modificando il fare di quest’arte antica quanto l’uomo.

La sua capacità di fondere insieme elementi di repertorio e linguaggi moderni, unita a una grande conoscenza dei materiali ne fanno un unicum nel panorama isolano.

La mostra, curata da Maricetta Di Natale, Sergio Intorre, Paolo Inglese e Maurizio Sajeva con l’allestimento di Carla Lenzo, racconta il percorso di De Simone proponendo lavori in ceramica, bozzetti, disegni, dipinti dagli inizi, a Faenza dove frequentò l’Istituto d’arte per la ceramica, fino agli esiti più recenti, interrotti dalla morte.

De Simone

Sempre l’artista sperimenta sulle forme e sui colori, con risultati tecnici di grande rilievo: suo è quel rosso aranciato chiamato “De Simone”, suoi sono gli azzurri trasparenti come “acqua”, i verdi intensi e i gialli squillanti, sue sono le forme allungate e quelle geometriche di ispirazione picassiana.

La sua ricerca appare pienamente immersa nel contesto culturale coevo in un “legame strettissimo col territorio“, si legge nella nota critica di Intorre, che lo porta a immergersi nella quotidianità della serialità produttiva, basti pensare ai pavimenti, alle stoviglie, alle insegne di negozi e alle decorazioni dei nuovi edifici molte delle quali oggi distrutte.

Ma si tratta sempre di lavori che sfidano il limite, “lo spazio fisico del manufatto“, nei quali un immaginario figurativo fervidissimo mescola elementi desunti dal folclore a inserimenti colti.

I lavori di Giovanni De Simone sono tutt’oggi esposti al Moma di New York e al Victoria and Albert di Londra; doveroso dunque l’omaggio della sua città natale a questo inesauribile inventore di storie e di forme che si pongono anzitutto come atto d’amore per la Sicilia.

 

Fino al 29 maggio (foto ANSA)

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.