"L'arte oltre la materia": all'Orto Botanico la retrospettiva su Giovanni De Simone :ilSicilia.it
Palermo

Fino al 29 maggio

“L’arte oltre la materia”: all’Orto Botanico la retrospettiva su Giovanni De Simone

di
1 Aprile 2019

Un’ampia retrospettiva dedicata all’opera di Giovanni De Simone (Palermo 1930-1991) è esposta nel Padiglione Tineo dell’Orto Botanico, sede espositiva dell’Università di Palermo, istituzione organizzatrice dell’iniziativa, dal titolo “L’arte oltre la materia – Ceramiche Disegni, Dipinti“.

Nella Sicilia del ‘900, regno della ceramica di tradizione, Giovanni De Simone è stato sicuramente l’artista-artigiano più rappresentativo e creativo, colui che ha portato una ventata d’aria nuova modificando il fare di quest’arte antica quanto l’uomo.

La sua capacità di fondere insieme elementi di repertorio e linguaggi moderni, unita a una grande conoscenza dei materiali ne fanno un unicum nel panorama isolano.

La mostra, curata da Maricetta Di Natale, Sergio Intorre, Paolo Inglese e Maurizio Sajeva con l’allestimento di Carla Lenzo, racconta il percorso di De Simone proponendo lavori in ceramica, bozzetti, disegni, dipinti dagli inizi, a Faenza dove frequentò l’Istituto d’arte per la ceramica, fino agli esiti più recenti, interrotti dalla morte.

De Simone

Sempre l’artista sperimenta sulle forme e sui colori, con risultati tecnici di grande rilievo: suo è quel rosso aranciato chiamato “De Simone”, suoi sono gli azzurri trasparenti come “acqua”, i verdi intensi e i gialli squillanti, sue sono le forme allungate e quelle geometriche di ispirazione picassiana.

La sua ricerca appare pienamente immersa nel contesto culturale coevo in un “legame strettissimo col territorio“, si legge nella nota critica di Intorre, che lo porta a immergersi nella quotidianità della serialità produttiva, basti pensare ai pavimenti, alle stoviglie, alle insegne di negozi e alle decorazioni dei nuovi edifici molte delle quali oggi distrutte.

Ma si tratta sempre di lavori che sfidano il limite, “lo spazio fisico del manufatto“, nei quali un immaginario figurativo fervidissimo mescola elementi desunti dal folclore a inserimenti colti.

I lavori di Giovanni De Simone sono tutt’oggi esposti al Moma di New York e al Victoria and Albert di Londra; doveroso dunque l’omaggio della sua città natale a questo inesauribile inventore di storie e di forme che si pongono anzitutto come atto d’amore per la Sicilia.

 

Fino al 29 maggio (foto ANSA)

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin