L'arte si espone in strada a Ragusa con "Made in Sicily" | FOTO :ilSicilia.it
Banner Bibo
Ragusa

Sei installazioni animeranno il quartiere barocco Ibla

L’arte si espone in strada a Ragusa con “Made in Sicily” | FOTO

di
7 Agosto 2020

GUARDA LA GALLERY IN ALTO

Sei installazioni animeranno il quartiere barocco di Ragusa Ibla. Turisti, visitatori e cittadini si troveranno inaspettatamente in un percorso capace di regalare emozioni e riflessioni sui temi peculiari della cultura siciliana.

Made in Sicily” è un evento culturale, che coinvolge vari artisti del luogo, voluto dall’associazione Iblarte. Per rispettare le norme anti-Covid-19, l’arte lascia i luoghi chiusi e si installa nelle vie della città permettendo di sperimentare nuove forme e modalità di esposizione, rendendola fruibile a tutti.

Abbiamo scelto di esporre all’aperto – spiega Francesco Palazzolo – per evitare possibili assembramenti e per far si che lo spettatore possa interagire con gli allestimenti artistici a qualsiasi ora del giorno. Ad ogni allestimento verranno associati anche caratteristiche essenze profumate della nostra terra. Tutto sarà accompagnato da antiche melodie siciliane e dalla voce della cantante folk Rosa Balistreri”.

Gli artisti

Il progetto Made in Sicily, curato dal set designer Francesco Palazzolo, coinvolge diversi artisti siciliani. Dal fotografo Toni Campo alla stilista Patrizia Amoddio; dai designer Cinzia Franzò, Daniela Napolitano, Renato Belluccia e Leggio Colors al pittore Kristo Neziraj, artista siciliano originario dell’Albania.

I Set

Il primo set artistico, “A fimmina cummannera” è dedicato alle donne siciliane dal piglio risoluto. Il set allestito a ridosso delle antiche mura bizantine che cingevano la città, nella piazzetta antistante la chiesetta del Santissimo Signore Trovato, sarà infatti arricchito dal sapore di carrube e da melodie siciliane.

Il secondo, “Crozza” ( teschio), mostrerà volti e “teste di moro” sparsi nei giardini comunali e lungo i viali alberati tra i profumi delle essenze mediterranee e le musiche siciliane.

Cuturissi?” (chi te l’ha detto?), sarà allestito nel vicolo di via Giavante. Il terzo set è ispirato alle tradizioni siciliane, con il pomodoro secco “i ‘nciappati”, su un’antica “buffetta” (il tavolo da cucina siciliano), accostate ad elementi di design e pittura: un antico pupo, i gioielli, le sedie colorate.

Il quarto set artistico, “I robbi stisi” (il bucato steso ad asciugare), è uno shooting fotografico di antichi costumi siciliani (custoditi nel museo di Mirto, in provincia di Messina), indossati da ragazze siciliane. L’installazione è un vero tuffo nel passato in cui, in una delle vie più importanti di Ibla, via Pietro Novelli, immagini impresse su delle lenzuola bianche fluttueranno  tra gli edifici.

Il quinto set, “Portami ccu tia” (portami con te), ha come protagoniste le antiche porte, recuperate da vecchie dimore. Queste, incastonate in uno spazio verde del centro storico, saranno reinterpretate con le creazioni di Francesco Palazzolo, Toni Campo e Kristo Neziraj.

L’ultimo, “Duluri” (dolore), proporrà alcune immagini legate al tema del “lutto” avviluppate tra profumi e musiche siciliani. L’installazione sarà inoltre allestita tra gli spazi della Salita Specula, alle spalle del Duomo di San Giorgio.

Quando

Il vernissage si terrà il 9 agosto alle 18 nel quartiere Ragusa Ibla. Le installazioni saranno infine fruibili sino al 9 ottobre.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin