L'Asael chiede maggiore rappresentatività dei consigli comunali :ilSicilia.it

Le dichiarazioni all'assemblea dell'Anci

L’Asael chiede maggiore rappresentatività dei consigli comunali

22 Novembre 2019

“È necessario che nel disegno di legge di revisione del Testo unico enti locali, contenuto in uno dei Collegati alla legge di Bilancio, sia prevista una maggiore rappresentatività democratica dei consigli comunali e un loro più profondo coinvolgimento nelle scelte di fondo per la vita delle comunità, realizzando nel contempo una riforma dello status giuridico degli amministratori locali”. 

Foto Matteo CocchiaraLo ha detto il presidente dell’Asael, associazione che riunisce gli amministratori locali siciliani, Matteo Cocchiara, intervenendo ai lavori della conferenza permanente dei consigli comunali svoltasi nel corso dell’Assemblea nazionale dell’Anci ad Arezzo, che ha visto anche la presenza del presidente della Camera, Roberto Fico.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.