24 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.32

Piano di rafforzamento amministrativo

L’Asael incontra la Regione: “Sostegno agli enti locali per programmazione Ue”

4 Febbraio 2019

Consentire agli enti locali siciliani e ai loro amministratori di usufruire delle risorse stanziate dal nuovo Piano di rafforzamento amministrativo (Pra) approvato dal governo regionale. È una delle richieste avanzate dall’Asael, Associazione che riunisce gli amministratori locali siciliani, presieduta da Matteo Cocchiara, nel corso della presentazione della seconda fase del Pra da parte dei dipartimenti regionali della Programmazione e della Formazione ai tavoli del partenariato pubblico e privato.

Nel corso dell’incontro sono state analizzati anche i problemi che stanno a monte dell’utilizzo dei fondi comunitari in Sicilia, con particolare riferimento al Fesr e al Fse per il programma 2014/2020 e in vista anche della prossima programmazione comunitaria.

Secondo l’Asael “una pubblica amministrazione regionale e locale, se non possiede una idonea e moderna capacità di organizzazione e di azione nelle proprie strutture burocratiche, non può sperare di potere compiere passi in avanti nel campo della programmazione e della spesa”.

cocchiara
Matteo Cocchiara

Per questo motivo bisogna ammodernare la macchina amministrativa, formando e specializzando una burocrazia che sul piano professionale possa competere sul livello nazionale ed europeo e che possa essere al passo con i tempi”, puntando soprattutto sulla digitalizzazione. L’Asael chiede quindi alla Regione un sostegno nei confronti degli enti locali nella fase di progettazione degli interventi per la partecipazione ai bandi predisposti con le risorse comunitarie, anche attraverso “tempestive informazioni” sui finanziamenti diretti della Comunità europea.

“Abbiamo ricordato al presidente Musumeci l’assoluta necessità di un sostegno agli amministratori locali che al momento soffrono enormemente per la mancanza di formazione del proprio personale – afferma Cocchiara -. Al giorno d’oggi siamo di fronte a nuovi processi e sistemi di governo della macchina pubblica e a fronte di queste innovazioni si riscontrano conoscenze molto precarie che finiscono col penalizzare gli enti locali. Rafforzare le conoscenze e la cosiddetta ‘governance’ nei sistemi di governo – conclude Cocchiara – consentirà agli enti locali un maggiore e più efficace utilizzo delle risorse comunitarie, ormai unico strumento per realizzare processi di sviluppo in territori al limite della desertificazione socioeconomica”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.