Lascia ordigno bellico in distributore nel Catanese preannunciandone l'esplosione, arrestato :ilSicilia.it
Catania

a Paternò

Lascia ordigno bellico in distributore nel Catanese preannunciandone l’esplosione, arrestato

14 Settembre 2019

Ha lasciato sulla colonnina dell’erogatore di carburanti una bomba da mortaio di nazionalità inglese calibro 81 mm/3 pollici, attiva e completa di spoletta, preannunciandone l’esplosione a breve.

E’ accaduto la notte scorsa in un’area di servizio in una frazione di Paternò, nel Catanese. L’uomo, un 56enne romeno pregiudicato, è stato arrestato da carabinieri della compagnia di Paternò.

Artificieri antisabotaggio del reparto operativo del comando provinciale dell’Arma di Catania, dopo aver posto in sicurezza l’intera area, hanno neutralizzato e poi rimosso l’ordigno bellico per farlo poi brillare in zona sicura.

Sono in corso indagini per ricostruire la personalità dell’arrestato, che è stato condotto in carcere su disposizione della Procura di Catania.

Restano non chiare le motivazioni del gesto che, secondo i carabinieri, non sono riconducibili a matrice terroristica o mafiosa, ma più verosimilmente alla sfera privata dell’uomo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.