L’Assessorato regionale dell’Economia sblocca autorizzazioni di spesa per oltre 114 milioni di euro :ilSicilia.it

delibera approvata su proposta dell'assessore Armao

L’Assessorato regionale dell’Economia sblocca autorizzazioni di spesa per oltre 114 milioni di euro

di
14 Agosto 2019

L’Assessorato regionale dell’Economia ha sbloccato le autorizzazioni di spesa per oltre 114 milioni di euro.

Con decreto del Ragioniere generale Giovanni Bologna – si legge in una nota – adottato in attuazione della delibera di Giunta regionale, approvata su proposta dell’Assessore per l’Economia, Gaetano Armao, sono stati resi disponili gran parte degli stanziamenti che la legge di bilancio (L.r. 1 del 2019) aveva cautelativamente congelato per esigenze finanziarie, delibera sulla quale ha dato il proprio parere favorevole anche la Commissione bilancio dell’Ars.

Le ingenti risorse, che sbloccano la spesa in importanti settori, si sono rese disponili dopo la conclusione dell’accordo tra il Governo regionale e quello statale del maggio scorso, in esito al lungo negoziato condotto dall’Assessorato, ed a seguito del ricalcolo del ripianamento del disavanzo ereditato dalla precedente legislatura, misure ampiamente condivise dall’Assemblea regionale  – riporta la nota.

Il Governo Musumeci ha così rispettato l’impegno di reperire gran parte delle risorse necessarie, assunto in occasione dell’approvazione del bilancio avvenuta nel febbraio scorso, dopo un solo mese di esercizio provvisorio – si legge ancora nella nota.

La ripartizione delle ingenti risorse liberate, una significativa boccata d’ossigeno per importanti rami di amministrazione, ha dovuto tenere conto” – rileva l’assessore e vicepresidente della Regione Gaetano Armao – “dei criteri dettati dal Parlamento siciliano con l’articolo 12, comma 2 quater, della legge regionale 19 luglio 2019, n. 13 che hanno introdotto un preciso ordine di priorità” (spese connesse ad obbligazioni giuridicamente vincolanti, ad attività di programmazione annuale di enti ed istituzioni, ad altre voci residue).

I vincoli normativi – continua Armao – hanno così imposto al Governo regionale, effettuata la ricognizione tra i Dipartimenti interessati, una scelta obbligata, quella di corrispondere risorse finanziarie soltanto alla prima categoria di spese, non consentendo di disporre il ripristino delle autorizzazioni di spesa in settori ove, invero, appariva più urgente l’utilizzo della spesa stessa (basti pensare allo sport, ai teatri, ed alle attività produttive)”.

Per la restante parte degli stanziamenti (corrispondenti a circa 27 milioni di euro, le somme congelate in bilancio ammontavano infatti a 141 milioni €) si dovrà attendere l’assestamento di bilancio che potrà essere esaminato dopo la parifica del rendiconto generale 2018 da parte della Corte dei conti, che si prevede per ottobre prossimo, rendiconto che per la prima volta opera un’estesa risistemazione di partite contabili nella prospettiva della trasparenza e del riequilibrio dei conti regionali.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.