L'assessore alla Salute Razza a "Bar Sicilia": "Obiettivo azzerare le liste d'attesa per le visite mediche" | VIDEO :ilSicilia.it

la rubrica della domenica

L’assessore alla Salute Razza a “Bar Sicilia”: “Obiettivo azzerare le liste d’attesa per le visite mediche” | VIDEO

di
21 Ottobre 2018

 

Guarda in alto il video della 33ª puntata 

Per la 33ma puntata di “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà, Maurizio Scaglione e Veronica Gioè, oggi, domenica 21 ottobre, è ospite Ruggero Razza, assessore alla Salute della Regione siciliana.

L’assessore spiega i progressi fatti in questi dieci mesi di governo Musumeci nel campo della sanità, dalla stabilizzazione di quasi tremila persone, ai concorsi già banditi per circa cinquecento posti a tempo indeterminato per i medici in Sicilia.

Con riferimento al capitolo liste di attesa, Razza sottolinea che il passo decisivo per l’eliminazione si avrà quando verrà integrato e unificato il sistema di prenotazione: una strada che il governo regionale sta perseguendo. In merito alle nomine dei direttori generali, ricorda come la Sicilia applichi il decreto Lorenzin, con una commissione e con una selezione che presenta criteri molto stringenti, rivelando che i nomi saranno individuati già nei prossimi giorni.

Altra questione è quella relativa alle aggressioni nelle guardie mediche e nei pronto soccorso ai danni del personale sanitario: l’assessore ricorda i passi avanti fatti in questi ultimi mesi, con vigilantes e sistemi di videosorveglianza, ma anche con la separazione dell’area attesa da quella delle visite.

Altra pagina è quella della politica regionale e nazionale, con #DiventeràBellissima che – ricorda Razza – non può avere distrazioni rispetto all’obiettivo prioritario del buongoverno della Sicilia, non tralasciando, però, lo sguardo verso i soggetti politici nazionali.

Nessuna candidatura in vista per l’assessore alle prossime elezioni europee di primavera: “Chi negli ultimi 15 anni ha lavorato in maniera giornaliera per un obiettivo comune e condiviso nell’interesse dei siciliani – spiega – non può cercare una poltrona per sé e fare il disertore rispetto alla missione che, con responsabilità, ci siamo dati di governare la Sicilia”.

“Noi siamo un movimento del territorio – aggiunge – e oggi c’è una coalizione di centrodestra che difficilmente può essere ripetuta per come l’abbiamo conosciuta negli ultimi dieci anni; vi sono tanti movimenti, tante realtà territoriali attualmente in campo per contribuire alla rigenerazione del centrodestra. Al congresso decideremo se rimanere un soggetto territoriale federato in maniera forte con un soggetto nazionale o se essere una delle componenti che contribuisca a una federazione più grande nazionale”.

Sulla Lega, infine, parole chiare: Con la Lega che sta catalizzando le attenzioni di gran parte dell’elettorato l’obiettivo è comune. Fra noi e loro c’è un rapporto fecondo, perché siamo forze politiche alleate, dal momento in cui abbiamo condiviso una scelta per la Sicilia”. 

Buona visione con la 33ª puntata di Bar Sicilia

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.