Ingroia a Orlando: "Micari? È il candidato di Renzi e Alfano" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

L'affondo contro il primo cittadino e il rettore di Palermo

Ingroia a Orlando: “Micari? È il candidato di Renzi e Alfano”

25 Agosto 2017

“Ogni tanto Leoluca Orlando incappa in qualche scivolone più o meno involontario. Oggi che è impegnato in prima linea nella difficoltosa scelta del candidato del centrosinistra per le regionali in Sicilia di novembre, il sindaco afferma che lui corre per vincere e che non ci sta a ripetere l’esperienza con Rivoluzione Civile alle politiche del 2013. Un’affermazione che, se confrontata con i risultati di ieri, un po’ preoccupa. Orlando dice infatti di non voler correre per perdere, eppure l’unica volta che ha corso alle elezioni come candidato a Presidente della Regione è stato proprio per perdere contro Cuffaro in modo secco ed inequivocabile (60% contro 37%)”.

La polemica a sinistra la accende l’ex pm Antonio Ingroia (che di Rivoluzione civile fu il leader), che sceglie la propria bacheca Facebook per rispondere alle affermazioni del sindaco di Palermo. Ingroia ci va giù pesante.

“Orlando dice di non voler ripetere un’esperienza minoritaria come quella di Rivoluzione Civile, eppure fu uno dei principali artefici a convincermi a guidare quell’avventura politica sostenendo che sarebbe stata vincente. Quindi meglio guardarsi bene dalle “previsioni politiche” di vincere di Orlando”.

“Quanto ai nomi in campo per la guida della Regione – aggiunge Ingroia – il problema resta sempre lo stesso: quello del metodo di scelta, che è come sempre improntato alla candidatura calata dall’alto, in questo caso per di più da leader nazionali di partito, e dei partiti responsabili della disastrosa e deleteria attività del governo nazionale”.

E poi l’affondo finale: “Con tutto il rispetto del rettore Micari, che io neppure conosco come la stragrande maggioranza dei siciliani, il punto centrale è che resterà un candidato che esiste solo non perché individuato da Orlando, né tanto meno dal mondo civico, ma perché espresso dai partiti, anzi da due leader nazionali di partito che si chiamano Matteo Renzi e Angelino Alfano. Due avversari politici di Azione Civile e di ogni movimento civico di sinistra, il cui modello di governo, su scala nazionale, ha prodotto i ben noti disastri degli ultimi anni. Orlando farebbe bene a domandarsi se non è proprio questa l’esperienza da non ripetere e a dedicarsi all’amministrazione della sua città che ne ha proprio bisogno…”

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.