Lavia torna protagonista nella "sua" Taormina con Medea e "Il sogno di un uomo ridicolo" | VIDEO :ilSicilia.it
Taormina

8 e 9 agosto doppio evento per TaoArte

Lavia torna protagonista nella “sua” Taormina con Medea e “Il sogno di un uomo ridicolo” | VIDEO

di
8 Agosto 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Gabriele Lavia torna protagonista nella “sua” Taormina, dove fu direttore artistico della sezione prosa di Taormina Arte dal 1984 al 1994, e il pubblico del Teatro Antico ritrova uno degli artisti più amati con un doppio evento speciale: Medea, stasera (8 agosto), e poi “Il sogno di un uomo ridicolo” di Fedor Dostoevskij, domani (9 agosto), nella doppia veste di regista prima e attore subito dopo, nell’ambito del cartellone eventi della Fondazione TaoArte.

Si comincia stasera, in prima nazionale, con Medea di Euripide, una particolare riduzione operata dallo stesso Lavia con interpreti Federica Di Martino e Simone Toni. Domenica sera invece Lavia sarà interprete della pièce teatrale di Dostoevskij, offrendo con la sua magistrale abilità una riflessione profonda e appassionata sulla condizione dell’essere umano. Due appuntamenti da non perdere, riportano così sul palcoscenico del Teatro Antico un grande artista e la sua presenza rinverdisce la tradizione di quegli eventi di qualità dei quali proprio Lavia è stato uno dei volti, per eccellenza, più apprezzati dal pubblico taorminese sin dagli Anni Ottanta.

“E’ una grande emozione il poter tornare in un luogo così bello a cui sono molto affezionato ed è bello che la città sia ancora adesso molto affezionato a quello che abbiamo portato in scena negli anni passati”, ha evidenziato Lavia. “Medea è una trascrizione, un trasferimento da una drammaturgia classica a una contemporanea, dove tutti i personaggi vengono “asciugati” in due che sono quelli principali, il marito e la moglie, Medea e Giasone. “Il sogno di un uomo ridicolo” è un pezzo che da tanti anni mi porto appresso, da quando avevo 16 anni e poi ne avevo 35 quando lo dovetti imparare a memoria per il Festival di Spoleto”.

“A Taormina abbiamo fatto tante cose insieme al mio amico Ninni Panzera (segretario generale di Taormina Arte) e speriamo di riuscire a fare qualcosa di bello il prossimo anno, sempre qui. Lo possiamo anticipare, la speranza è quella di fare Re Lear di Shakespeare e ci auguriamo che si possa di nuovo avere il Teatro Antico al massimo della capienza. L’entusiasmo è quello di sempre, è quello del primo giorno. Guardiamo sempre a questa città e a questo luogo come una ragione, un punto di arrivo, un traguardo. In fondo il teatro è un traguardo, che guarda all’origine però dell’uomo”.

Poi uno sguardo al futuro e all’auspicio di un ritorno alla piena normalità: “Questo è un momento ma ci sarà un momento in cui tutto tornerà più forte di prima e con una coscienza e una consapevolezza in più”. 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin