Lavoratori Asu, Ale Ugl Sicilia: "Per la stabilizzazione non servono risorse in più" :ilSicilia.it

in totale sono 5 mila lavoratori

Lavoratori Asu, Ale Ugl Sicilia: “Per la stabilizzazione non servono risorse in più”

18 Settembre 2019

“Per la stabilizzazione dei 5.000 Asu non servono risorse in più, ma la storicizzazione della spesa. Approvare il provvedimento per le forze politiche all’Ars, quindi, è solo una questione di volontà. Invitiamo i lavoratori gli amministratori locali e i dirigenti degli enti utilizzatori a fare pressione sul governo regionale e sulla deputazione“. Lo dicono i segretari regionali dell’Ale Ugl Sicilia, Vito Sardo e Mario Mingrino.

A partire da domani – aggiungono – manifesteremo la rabbia dei lavoratori nei confronti del governo regionale, nella persona dell’assessore Scavone, per lo stato a cui sono costretti per mera volontà politica. Ribadiremo che siamo pronti ad attivare tutte le iniziative di protesta – concludono Sardo e Mingrino – dallo sciopero alle manifestazioni ai sit-in, per raggiungere l’obiettivo. Da più di 20 anni gli Asu svolgono mansioni fondamentali per l’erogazione ai cittadini di servizi pubblici essenziali, in cambio di indennità che non superano i 600 euro mensili. Una condizione che non siamo più disposti a tollerare“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.