Lavoratori ex Keller di Carini. Ancora buone notizie dall'Ars :ilSicilia.it

Stanziati 83 milioni di euro per il trasporto ferroviario nell'Isola

Lavoratori ex Keller di Carini. Ancora buone notizie dall’Ars

di
27 Luglio 2017
Giungono altre buone notizie dall’Assemblea regionale siciliana per i lavoratori ex Keller di Carini. Dopo l’approvazione due giorni fa da parte della Commissione lavoro di una risoluzione che impegnava il governo regionale a rinnovare il Contratto di servizio con Trenitalia, tenendo conto delle loro esigenze occupazionali, oggi è stato approvato l’articolo 19 del collegato alla finanziaria che stanzia, dal 2020 al 2026, 83 milioni di euro per il trasporto ferroviario nell’Isola.

Era questo un passaggio propedeutico fondamentale per rilanciare le aspettative delle aziende siciliane che operano nel settore. Il collegato tutto sarà approvato probabilmente entro la prossima settimana. Da quel momento l’esecutivo regionale sarà nelle condizioni di potersi sedere con più armi al tavolo delle trattative con Trenitalia e chiedere quindi maggiori investimenti alla società e al governo nazionale.

Tutto questo fa il paio con un ordine del giorno, a prima firma del deputato Pino Apprendi, deliberato dall’Assemblea, con il quale si ribadisce al governo la necessità “a provvedere nell’ambito della sottoscrizione del predetto Contratto di servizio con Rfi l’utilizzazione dei lavoratori sopra richiamati”, ossia gli ex Keller, nonchè gli ex Servirail ed ex FerroHotel. A Carini esiste un piccolo polo industriale dalle buone potenzialità di crescita, costituito in particolare da due imprese, la Omer dell’imprenditore Pino Russello ed Rfi che ha rilevato lo stabilimento dell’Ansaldo Breda. Due realtà che potrebbero riassorbire i lavoratori del comparto.

“In un momento di forte crisi economica la sottoscrizione del contratto di servizio su ferro oltre a dare stabilità occupazionale all’intero comparto, consentirà di rilanciare la mobilità collettiva locale fra le varie province siciliane, calmierare le tariffe all’utenza e dare slancio allo sviluppo economico della nostra regione”, dichiarano con una nota congiunta Cgil, Cisl e Uil.

“Le ferrovie siciliane hanno oggi l’opportunità di recuperare un gap ventennale – continuano i segretari regionali di Filt-Cgil , Fit-Cisl e Uiltrasporti, Franco Spanò, Amedeo Benigno e Agostino Falanga e questo passa inevitabilmente da una rete ferroviaria ammodernata ed efficiente per la quale chiederemo maggiori investimenti, ma anche da un incremento quantitativo e qualitativo degli attuali servizi offerti all’utenza a cui il prossimo contratto di servizio può dare finalmente adeguate risposte”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin