Lavoratori senza stipendio, si ferma il cantiere dell'Anello ferroviario :ilSicilia.it
Palermo

I sindacati rassicurano la città, continuando a sottolineare il disappunto e lo stato di agitazione

Lavoratori senza stipendio, si ferma il cantiere dell’Anello ferroviario

di
28 Marzo 2017

Gli operai dell’Anello ferroviario protestano, fermando i lavori nel cantiere della Tecnis. Braccia incrociate sia in viale Lazio che in via Amari per due mesi di mancato stipendio. Il lento procrastinare avvenuto in seguito al passaggio di consegne dall’amministrazione giudiziaria all’amministrazione ordinaria ha portato i dipendenti a manifestare a braccia polemicamente conserte in segno di protesta.

Foto Amari Cantieri

“Il passaggio dall’amministrazione straordinaria alla gestione normale (la settimana scorsa la società è stata riconsegnata ai  proprietari, ndr) – queste le parole di Piero Ceraulo, della Fillea Cgil – non si è ancora completato, e questo ha comportato il mancato incasso di alcuni stati di avanzamento lavori che farebbero teoricamente capo alla vecchia gestione. Il risultato è che gli stipendi sono fermi. Oggi pomeriggio ci vedremo a Catania con l’ex commissario Ruperto, che è ancora formalmente amministratore, per capire quali saranno i tempi dell’operazione. Nel frattempo gli operai sono in stato di agitazione: aspettano ancora due mesi di stipendio e sono stanchi”.

Il sindacato spende parole di rassicurazione per la città, continuando a sottolineare il disappunto e lo stato di agitazione, con il supporto anche degli altri due sindacati di Filca Cisl e Feneal Uil. “Ci sono tutte le  condizioni per continuare i lavori, ma servono certezze sui pagamenti”.

Le foto sono prese dal gruppo pubblico di Facebook Amari Cantieri.

 

Intanto Francesco Vozza, leader di Noi con Salvini a Palermo comunica di essere stato querelato dal sindaco Leoluca Orlando per diffamazione: “Ho avuto il privilegio – dichiara in una nota il salviniano – di essere denunciato dal sindaco in persona: da quello che mi pare di aver capito il motivo della querela è da ricercare nel mio impegno in difesa dei commercianti e dei residenti della via Emerico Amari, ormai da mesi ostaggi di infiniti lavori pubblici che stanno rovinando le loro vite. Per me, dunque, questa denuncia è una medaglia al valore. Anzi, nei prossimi giorni – conclude Vozza – continuerò con forza a dare pieno sostegno all’associazione Amari Cantieri.”
© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.