Lavoratori senza stipendio, si ferma il cantiere dell'Anello ferroviario :ilSicilia.it
Palermo

I sindacati rassicurano la città, continuando a sottolineare il disappunto e lo stato di agitazione

Lavoratori senza stipendio, si ferma il cantiere dell’Anello ferroviario

di
28 Marzo 2017

Gli operai dell’Anello ferroviario protestano, fermando i lavori nel cantiere della Tecnis. Braccia incrociate sia in viale Lazio che in via Amari per due mesi di mancato stipendio. Il lento procrastinare avvenuto in seguito al passaggio di consegne dall’amministrazione giudiziaria all’amministrazione ordinaria ha portato i dipendenti a manifestare a braccia polemicamente conserte in segno di protesta.

Foto Amari Cantieri

“Il passaggio dall’amministrazione straordinaria alla gestione normale (la settimana scorsa la società è stata riconsegnata ai  proprietari, ndr) – queste le parole di Piero Ceraulo, della Fillea Cgil – non si è ancora completato, e questo ha comportato il mancato incasso di alcuni stati di avanzamento lavori che farebbero teoricamente capo alla vecchia gestione. Il risultato è che gli stipendi sono fermi. Oggi pomeriggio ci vedremo a Catania con l’ex commissario Ruperto, che è ancora formalmente amministratore, per capire quali saranno i tempi dell’operazione. Nel frattempo gli operai sono in stato di agitazione: aspettano ancora due mesi di stipendio e sono stanchi”.

Il sindacato spende parole di rassicurazione per la città, continuando a sottolineare il disappunto e lo stato di agitazione, con il supporto anche degli altri due sindacati di Filca Cisl e Feneal Uil. “Ci sono tutte le  condizioni per continuare i lavori, ma servono certezze sui pagamenti”.

Le foto sono prese dal gruppo pubblico di Facebook Amari Cantieri.

 

Intanto Francesco Vozza, leader di Noi con Salvini a Palermo comunica di essere stato querelato dal sindaco Leoluca Orlando per diffamazione: “Ho avuto il privilegio – dichiara in una nota il salviniano – di essere denunciato dal sindaco in persona: da quello che mi pare di aver capito il motivo della querela è da ricercare nel mio impegno in difesa dei commercianti e dei residenti della via Emerico Amari, ormai da mesi ostaggi di infiniti lavori pubblici che stanno rovinando le loro vite. Per me, dunque, questa denuncia è una medaglia al valore. Anzi, nei prossimi giorni – conclude Vozza – continuerò con forza a dare pieno sostegno all’associazione Amari Cantieri.”
© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin