"Lavorava in nero ma intascava il reddito di cittadinanza": indagato un palermitano :ilSicilia.it
Palermo

un uomo di 52 anni

“Lavorava in nero ma intascava il reddito di cittadinanza”: indagato un palermitano

21 Maggio 2019

Pare lavorasse in nero ma percepiva già il reddito di cittadinanza. Questa la ricostruzione dei carabinieri che hanno denunciato un palermitano di 52 anni.

L’uomo avrebbe intascato la somma di 300 euro ma, secondo gli investigatori, avrebbe nel contempo eseguito dei lavori senza senza dichiararlo al fisco.

Il presunto reato è perseguibile d’ufficio e così i militari hanno fatto scattare la denuncia nei confronti del cinquantaduenne. I carabinieri lo avrebbero sorpreso nella borgata marinara di Sferracavallo mentre lavorava per una ditta edile.

La carta acquisti gli è stata sequestrata. La ditta per la quale pare lavorasse in nero non sarebbe iscritta alla Camera di Commercio. L’attività è stata sospesa e il titolare denunciato per “omessa visita medica e formazione del personale; mancata redazione del piano operativo di sicurezza e nomina del medico competente”.

Sono state elevate multe per quasi 70 mila euro.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.