19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.37
Agrigento

L'intervento nella sede dell'Amat a Palermo

Lavori fermi sulla Palermo-Agrigento, frecciate di Musumeci all’Anas e al Governo | VIDEO

18 Gennaio 2019

Guarda il video in alto

Il Presidente della Regione siciliana Nello Musumeci interviene sulla situazione della Strada Statale 121 Palermo-Agrigento, nel tratto Bolognetta-Lercara.

Abbiamo chiesto al Governo di intervenire – ha detto Musumeci – anche in maniera perentoria. Non è possibile che nessuno abbia notato prima la crisi della CMC e poi le disastrose conseguenze. Si tratta di alcune decine di milioni di contenzioso, centinaia di lavoratori che vengono messi sul lastrico e il rischio di non completare infrastrutture importanti come la Palermo-Agrigento. Qualcuno doveva vigilare“.

Poi l’attacco all’Anas: “Doveva vigilare e non l’ha fatto“, ha detto lapidario il governatore, che poi ha punzecchiato anche il governo nazionale: “Qualcuno deve vigilare sulle omissioni dell’Anas, dovrebbe farlo il Governo centrale. Spero che lo stia facendo“.

Parlando della crisi della CMC, Musumeci ha detto. “Ci sono competenze che attengono allo Stato, altre alle Province. Il compito della Regione per la viabilità è programmare e pianificare ma ci stiamo sostituendo alle Province“.

Ma le frecciate di Musumeci non si fermano qui. Sulle Province il governatore si toglie qualche sassolino: “Qualcuno si è divertito a dire che erano il male assoluto e adesso dice che si stanno distruggendo le strade provinciali – ha affermato -. Noi abbiamo messo in campo 150 milioni, siamo disposti a metterci altri 100-200 milioni togliendoli ad altri settori. L’importante – ha concluso – è che la viabilità siciliana torni efficiente“.

 

LEGGI ANCHE:

Crisi Cmc, Savarino: “Rescindere subito i contratti. Si è perso troppo tempo”

Crisi Cmc, 70 imprese siciliane fanno causa all’Anas

Musumeci scrive a Toninelli: “Risolvere crisi Cmc per salvare infrastrutture siciliane”

Crisi Cmc, a rischio tre grandi opere in Sicilia: “Intervenga Toninelli”

Bolognetta Lercara: i lavoratori chiedono garanzie. A rischio 170 posti | Video

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.