20 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.08
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
Palermo

La SS121 e i ritardi

Lavori infiniti sulla Pa-Ag, ispezione della Regione: “Staremo col fiato sul collo”

11 ottobre 2018

La IV Commissione, Territorio Ambiente e Mobilità dell’ARS, guidata da Giusi Savarino, insieme all’assessore regionale al ramo, Marco Falcone ed alla dirigenza di Anas, si è oggi recata presso il cantiere della CmC  di Bolognetta sulla SS121 Palermo/Agrigento per effettuare una ispezione in cantiere.

“Passiamo dalle parole ai fatti!”, dichiara Savarino. “Come promesso col Presidente Musumeci saremo noi ad inaugurare questa strada, non permetteremo che sulla Palermo/Agrigento ci siano ulteriori ritardi, i siciliani hanno avuto fin troppa pazienza in questi anni. Bisogna che la Regione stia col fiato sul collo della società che esegue i lavori, controlli e pretenda rispetto degli impegni presi a partire dal numero degli operai in cantiere.

bolognetta-lercara-lavoriGli imprenditori di questo territorio sono al collasso, ci sono in ballo centinaia di posti di lavoro; piuttosto che occuparsi di ammortizzatori sociali e di assistenzialismo, la politica si preoccupi di creare e tutelare posti di lavoro veri! Ho intenzione di monitorare personalmente e costantemente l’andamento dei lavori ed il rispetto dei vincoli contrattuali, affinché quest’opera strategica e fondamentale per la Provincia di Agrigento, non resti una incompiuta“.

 

LEGGI ANCHE:

Lavori infiniti sulla Palermo-Agrigento, ultimatum della Regione

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.