Lavoro: 15 operai licenziati a Gela, si ferma l'indotto Eni :ilSicilia.it
Caltanissetta

in segno di protesta

Lavoro: 15 operai licenziati a Gela, si ferma l’indotto Eni

di
2 Dicembre 2019

Fermi i cantieri dell’indotto alla Green Refinery dell’Eni in segno di protesta contro il licenziamento di 15 dipendenti della ditta Tes e per il mancato rinnovo delle commesse di lavoro sia per la manutenzione che per la costruzione di nuovi impianti.

Con il completamento del progetto di riconversione industriale per la produzione di biocarburanti, si attendeva l’avvio della seconda fase del protocollo d’intesa firmato nel 2014 da azienda, sindacati e istituzioni, che prevede la costruzione della base-gas a terra per lo sfruttamento dei giacimenti di metano off-shore “Argo” e “Cassiopea”, per un investimento di oltre 800 milioni di euro.

Ma la mancata proroga alle già concesse autorizzazioni da parte del ministero dell’ambiente stanno mettendo a rischio l’intero progetto. L’Eni, infatti, avrebbe fatto intendere alle organizzazioni sindacali che, in caso di mancata conferma della valutazione di impatto ambientale potrebbe dirottare altrove le somme impegnate per Gela.

Da qui le preoccupazioni di politici e sindacalisti. In settimana è prevista una riunione del consiglio di fabbrica dei chimici e del settore energia allargato agli altri comparti dell’industria.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.