Lavoro: arranca in Sicilia l'occupazione femminile :ilSicilia.it

La nostra regione è ultima in Europa

Lavoro: arranca in Sicilia l’occupazione femminile

di
24 Settembre 2018

L’occupazione femminile arranca in Sicilia, Regione che occupa addirittura l’ultimo posto in Europa con solo il 29,2% di donne che lavorano, in totale di 493 mila di cui 333 mila a tempo pieno e 160 mila a tempo parziale.

Il divario con la media italiana, 48,9%, è grande, enorme poi quello con la media Ue, pari al 62,3%. Se n’è parlato nel corso di un convegno della Flai Cgil Sicilia, in memoria di Lia Pipitone, la giovane donna figlia di un boss uccisa dalla mafia 35 anni fa perché ritenuta colpevole di disonorare la famiglia.

Il dibattito è stato l’occasione per fare il punto sul lavoro femminile nel settore agricolo che, per il segretario generale della Flai Sicilia, Alfio Mannino, “Può fare da traino all’occupazione femminile, sfruttando soprattutto le opportunità offerte dall’Europa, che stanzia al proposito cospicui investimenti“.

In agricoltura sono occupate oggi 25 mila donne, su un totale di 120 mila addetti. Il 90% è lavoro stagionale, in linea con l’andamento del comparto. Si aggiungono le 11 mila lavoratrici dell’industria agroalimentare, il 10% del totale degli addetti.

La riforma del collocamento agricolo, che rivendichiamo da tempo – ha sottolineato Mannino – favorendo l’incontro da domanda e offerta in una condizione di trasparenza e legalità può favorire l’ingresso delle donne nel mercato del lavoro e migliorare la qualità del lavoro, evitando forme di sfruttamento e abusi di cui spesso sono vittime le donne“.

Il convegno è stato l’occasione anche per discutere della lotta alla violenza di genere che vede la Cgil in prima fila. Nel 2017 in Sicilia ci sono stati sette femminicidi.

L’occupazione femminile – ha detto il segretario generale della Cgil Sicilia, Michele Pagliaroè uno snodo fondamentale anche della lotta contro la violenza di genere. Il nostro impegno per il lavoro, contro disuguaglianze, stereotipi, segregazione occupazionale e per il giusto valore alle competenze femminili continua in tutte le sedi – ha aggiunto – in quelle della contrattazione e in tutti i luoghi dove occorre fare valere le pari opportunità e contrastare la violenza e le molestie. Analogamente prosegue la nostra battaglia contro la mafia”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“È arrivato Zampanò!”

Non posso non constatare che da qualche anno si è dichiarato guerra alla strada. Io sono cresciuto per strada, ho giocato sui marciapiedi, e a pallone per strada perché di certo non sapevo che cosa fosse un campo in erba...
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.