Lavoro: due concorsi nella scuola, quarantottomila posti :ilSicilia.it

AD ANNUNCIARLO E' IL M5S

Lavoro: due concorsi nella scuola, quarantottomila posti

3 Ottobre 2019

Il Movimento 5 Stelle propone novità sul fronte della scuola, annunciando due nuovi concorsi per ricercare quarantottomila nuovi docenti in tutta Italia.

Il ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti e il sottosegretario Lucia Azzolina hanno firmato nelle scorse ore un accordo con i sindacati della scuola che sarà la base per il testo del cosiddetto decreto scuola“, così viene riportato all’interno del “Blog delle Stelle”.

L’accordo prevede due tipologie di concorso, uno ordinario destinato ai neolaureati ed uno straordinario, riservato a chi ha conseguito tre anni di servizio all’interno del sistema scolastico nazionale, in modo da coprire circa 24.000 posti ciascuno.

“Una scuola di qualità, in grado di proporre una didattica al passo con i tempi e un servizio all’altezza di un Paese del G7, è innanzitutto una scuola in cui i docenti non sono costretti a svolgere il loro lavoro in condizioni di perenne precarietà. Dopo anni di interventi tampone e spesso controproducenti – si legge nel blog – è ora di dare le giuste e meritate risposte a tutto il personale, docente e personale ATA, che lavora giorno dopo giorno accanto ai nostri figli. Ci stiamo muovendo in questa direzione”.

Con il decreto, “alla cui redazione e definizione inizieremo a lavorare immediatamente – aggiunge M5s -, abbiamo sancito due principi fondamentali per rilanciare la scuola: la salvaguardia del merito e la valorizzazione di chi presta servizio da anni nelle nostre scuole“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona