Lavoro e diritti: i disoccupati scendono in piazza a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

il 22 dicembre

Lavoro e diritti: i disoccupati scendono in piazza a Palermo

di
15 Dicembre 2018

Il movimento disoccupati organizzati, Alba-Cub, Usb hanno indetto per sabato 22 dicembre un corteo cittadino per il reddito, il lavoro e i diritti fondamentali con partenza alle 17.30 da piazza Verdi. “La Sicilia vive una stato di emergenza che merita una risposta immediata – affermano gli organizzatori – e visto che alla classe politica sembra non interessare è arrivato il momento di farsi sentire nelle strade e nelle piazze. Solo un fronte sociale che pretenda lavoro, dignità e reddito può oggi invertire questo misero destino cui chi ci governa sembra volerci consegnare”.

manifestoL’appello alla manifestazione, che descrive in maniera netta e precisa lo stato di emergenza, è dunque esteso a tutte quelle categorie e classi sociali su cui, in maniera sempre più pressante, si fanno sentire gli effetti della crisi economica e dell’austerity. Da decenni la “questione meridionale” non trova soluzione e nessuna classe politica è mai riuscita ad eliminarne le cause. Le statistiche parlano chiaro: disoccupazione record, tassi di emigrazione impressionanti, reddito pro-capite e familiare mai così basso. Povertà, precarietà ed esclusione sociale non sono mai state così dilaganti.

La classe dirigente locale, nazionale ed internazionale sembra non preoccuparsene, impegnata nel solito teatro mediatico-elettoralistico fatto di retoriche, promesse e giochi di potere praticati sulla pelle di milioni di persone. Lavoro e reddito sono ovviamente i due fattori da cui ogni vera politica di contrasto alla povertà dovrebbe partire. Disoccupati e inoccupati non possono davvero più aspettare interventi su questi temi.

Poi c’è la precarietà, migliaia di persone nell’isola vivono in una simile condizione. Precari della pubblica amministrazione, forestali, contrattisti, ex Pip, lavoratori della formazione professionale sono tutti legati a doppio filo dall’insicurezza e dalla strumentalità con cui sono stati usati fin ora dalla classe politica.

E poi il problema tasse e ticket, cartelle esattoriali: una vera spada di Damocle che pende sulla testa di troppi indigenti e troppe persone già in difficoltà. Perpetuare la pretesa di tasse inesigibili determina, da una parte, il ricatto del debito e delle agenzie di recupero credito, dall’altra, la creazione di nuove sacche di illegalità esistenziale di massa che finiscono per aprire nuovi circoli viziosi economici, sociali e psicologici.

Infine, la cronica assenza di servizi elementari che dovrebbero essere garantiti e invece diventano sempre più selettivi come la sanità, la scuola, i trasporti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin