Lavoro: il MIBACT assume, 500 posti per vigilanti :ilSicilia.it

Scadenza 22 marzo 2020

Lavoro: il MIBACT assume, 500 posti per vigilanti

di
26 Febbraio 2020

Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali per il Turismo (MIBACT) avvia un concorso per «operatore alla custodia, vigilanza e accoglienza».

Reclutamento di cinquecento unità di personale non dirigenziale di operatore alla custodia, vigilanza e accoglienza della seconda area funzionale, fascia retributiva F1, a tempo pieno ed indeterminato.

Il bando scade il 22 marzo 2020. I posti da ricoprire con la selezione sono cosi’ ripartiti:

  • Abruzzo 21
  • Basilicata 11
  • Calabria 24
  • Campania 71
  • Emilia Romagna 39
  • Friuli-Venezia Giulia 10
  • Lazio 97
  • Liguria 18
  • Lombardia 41
  • Marche 7
  • Molise 10
  • Piemonte 20
  • Puglia 24
  • Sardegna 14
  • Toscana 49
  • Trentino-Alto Adige 3
  • Umbria 12
  • Veneto 29

Per ulteriori informazioni consultare la tabella.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.