Lavoro nero e precariato, sit-in della Filcams CGIL di Caltanissetta :ilSicilia.it

Lavoro nero e precariato, sit-in della Filcams CGIL di Caltanissetta

di
10 Agosto 2018

La Filcams CGIL di Caltanissetta promuove un sit-in atto a far conoscere la categoria sindacale nel territorio Nisseno.

Nuccio Corallo
Nuccio Corallo

Il sindacato, spiega Nuccio Corallo segretario generale Filcams CGIL Caltanissetta, “opera e cura i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori dei servizi del commercio e del terziario come prima tappa siamo stati a lungomare di Gela per incontrare i lavoratori mettendoli a conoscenza dei servizi che la Filcams e la CGIL erogano: dal controllo della busta paga alla disoccupazione, le pensioni, soffermandosi nello specifico sul tema del lavoro nero e di ciò che ne consegue lavoratori che prestano servizio per almeno 8 o 10 ore ricevendo come compenso appena €400 un’assunzione di 3 ore al giorno con almeno 8 ore di lavoro nero, mettendo in discussione contributi diritti mortificando la dignità di uomo lavoratore.

Il ritorno dei voucher, usato male, una delle forme di sfruttamento autorizzato che precarizza è rende inerme un lavoratore, abbiamo bisogno di lavoro buono e non di buoni lavoro, dignità e rispetto, nel decreto dignità di parla di aumentare il sussidio di disoccupazione fino a tre anni e aumentare l’indennizzo per i licenziamenti illegittimi, mentre bisognerebbe reintrodurre l’articolo 18, conquistato con le lotte e il sangue delle lavoratrici e dei lavoratori, saremo presente in modo itinerante nel resto della provincia”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin