Lavoro, Ryanair cerca assistenti di volo: ecco come candidarsi :ilSicilia.it

le selezioni il 12 e 17 luglio

Lavoro, Ryanair cerca assistenti di volo: ecco come candidarsi

20 Giugno 2019

Nuove opportunità per diventare assistenti di volo per la compagnia di volo low cost Ryanair. Le selezioni si svolgeranno anche a Palermo e Catania, il 12 e il 17 luglio.

Tra i requisiti richiesti, il possesso del passaporto europeo, una statura minima di 157 cm e massima di 188. Età non inferiore a 18 anni, ottima conoscenza della lingua inglese  scritta e parlata. Inoltre, sono richieste doti di acquaticità tra cui anche la capacità di nuotare 25 metri senza aiuti.

Tra le prove d’accesso previste, un test in lingua inglese cui seguirà un colloquio con i responsabili delle risorse umane della compagnia. Chi verrà selezionato , parteciperà ad un corso di formazione di sei settimane e chi lo supererà potrà essere assunto tramite contratto iniziale Crewlink con possibilità di trasformazione a tempo indeterminato.

Per procedere alla candidatura è possibile collegarsi a clicca su https://www.crewlink.ie/recruitment/job-list/ e selezionare la sede di interesse.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.