Lavoro, servizio civile: pronto il bando per 40 mila giovani :ilSicilia.it

In Sicilia porte aperte per 3.692

Lavoro, servizio civile: pronto il bando per 40 mila giovani

17 Settembre 2019

Pubblicato il bando per la selezione di 39.646 operatori volontari da impiegare in 3.797 progetti di servizio civile universale in Italia e all’estero.

Ecco come saranno distribuiti i volontari:

  • 20.223 operatori volontari saranno avviati in servizio in 1.454 progetti ordinari da realizzarsi in Italia presentati dagli enti iscritti all’Albo di servizio civile universale o all’Albo nazionale;
  • 951 operatori volontari saranno avviati in servizio in 130 progetti ordinari da realizzarsi all’estero presentati dagli enti iscritti all’Albo di servizio civile universale, all’Albo nazionale o agli Albi delle Regioni e delle Province Autonome;
  • 2.196 operatori volontari saranno avviati in servizio in 167 progetti con misure aggiuntive da realizzarsi in Italia presentati dagli enti iscritti all’Albo di servizio civile universale, all’Albo nazionale o agli Albi delle Regioni e delle Province Autonome;
  • 16.276 operatori volontari saranno avviati in servizio in 2.046 progetti ordinari da realizzarsi in Italia presentati dagli enti iscritti agli Albi delle Regioni e delle Province Autonome, da realizzarsi nei territori di propria competenza.

In Sicilia porte aperte a 3.692 giovani. QUI tutti i progetti siciliani.

I progetti hanno una durata tra 8 e 12 mesi, con un orario di servizio pari a 25 ore settimanali oppure con un monte ore annuo che varia, in maniera commisurata, tra le 1145 ore per i progetti di 12 mesi e le 765 ore per i progetti di 8 mesi. Per poter partecipare alla selezione occorre innanzitutto individuare il progetto e per avere l’elenco dei progetti di servizio civile in Italia e all’Estero occorre utilizzare i motori di ricerca «Scegli il tuo progetto in Italia» e «Scegli il tuo progetto all’Estero», disponibili nella sezione Progetti della pagina dedicata sul sito del Servizio civile nazionale.

Dopo aver selezionato il progetto d’interesse, occorre consultare la home page del sito dell’ente, dove è pubblicata la scheda contenente gli elementi essenziali del progetto. Gli aspiranti operatori volontari dovranno presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda on Line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone. Le domande di partecipazione devono essere presentate entro e non oltre le 14 del 10 ottobre 2019.

I requisiti richiesti per l’ammissione sono i seguenti:

cittadinanza italiana, di uno degli altri Stati membri dell’Unione Europea o di un Paese extra Unione Europea purché il candidato sia regolarmente soggiornante in Italia; età compresa tra i 18 e i 28 anni (e 364 giorni) alla data di presentazione della domanda; non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno.

Non possono presentare domanda i giovani che:

appartengano ai corpi militari e alle forze di polizia; abbiano già prestato o stiano prestando servizio civile nazionale o universale, oppure abbiano interrotto il servizio prima della scadenza prevista; abbiano in corso con l’ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, oppure abbiano avuto tali rapporti di durata superiore a tre mesi nei 12 mesi precedenti la data di pubblicazione del bando. Si ricorda che ciascun giovane potrà presentare una sola domanda di partecipazione al bando e per un solo progetto.

L’assegno mensile riservato a chi svolgerà il servizio ammonta a 439,50 euro. Costituiscono un’eccezione gli operatori volontari impegnati in progetti che prevedono la permanenza all’estero a cui, oltre la già riportata somma, vanno aggiunte una specifica indennità, il vitto e l’alloggio. Inoltre, l’operatore volontario residente in un comune diverso da quello di realizzazione del progetto, avrà diritto al rimborso da parte del Dipartimento delle spese del solo viaggio iniziale per il raggiungimento della sede del progetto (aereo, treno, pullman, traghetto, purché risulti il mezzo più economico), previa presentazione del relativo titolo di viaggio al responsabile della sede medesima.

Al termine del servizio all’operatore volontario il Dipartimento rilascerà un attestato di espletamento del servizio civile oltre ad un secondo attestato o ad una certificazione di riconoscimento e valorizzazione delle competenze sviluppate dallo stesso.

Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Come se fosse Antani

Da oggi un nuovo blog s unisce a quelli già esistenti. Si intitola "Come se fosse Antani", con un riferimento più che esplicito al celebre film. "Amici miei". E' il blog di Giovanna Di Marco