Lavoro stagionale: Ministero risponde alla Fisascat sull'emergenza Naspi :ilSicilia.it
Messina

Inverno da incubo per 12 mila lavoratori nel messinese

Lavoro stagionale: Ministero risponde alla Fisascat sull’emergenza Naspi

di
19 Ottobre 2018

Da Taormina a Roma la questione Naspi potrebbe presto arrivare in Parlamento e il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali scrive intanto alla Fisascat Cisl per comunicare l’avvio di un approfondimento della situazione sulla “Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego” ormai diventata un autentico incubo per i lavoratori stagionali del turismo.

In Sicilia, nel messinese, la vicenda interessa da vicino circa 12 mila persone che operano nel comparto turismo, commercio e servizi, a Taormina e nei centri dell’hinterland ionico-alcantarino. “In riferimento alla problematica dei lavoratori stagionali e del relativo godimento della Naspi – fa sapere l’Ufficio legislativo di Montecitorio – le problematiche segnalate saranno quanto prima oggetto di opportuna valutazione”.

Il ministro del Lavoro, Luigi DI Maio
Il ministro del Lavoro, Luigi DI Maio

Si va verso un inverno lungo e difficile per le famiglie dei lavoratori stagionali, che potranno contare nella maggior parte dei casi soltanto sull’erogazione di 3 mensilità Naspi, pari al lavoro effettuato nella recente stagione turistica, e con quelle somme dovranno sopravvivere sino almeno al periodo di marzo-aprile.

“Auspichiamo possano arrivare risposte immediate – commenta il segretario regionale aggiunto della Fisascat Cisl, Pancrazio Di Leo -. Per tanti lavoratori incombe un inverno drammatico. I lavoratori soggetti a licenziamento involontario (per mancanza di lavoro), oggi percepiscono un indennità pari al 50% del periodo lavorativo effettuato dell’anno in corso e ad esempio chi ha lavorato sei mesi avrà diritto a 3 mesi di indennità; e 2 mesi equivalgono a un mese di indennità poiché non potranno più contare sui residui degli anni precedenti. I lavoratori a fine anno, insomma, rimarranno senza indennità e senza possibilità di lavoro“.

Tanti lavoratori e altrettante famiglie continua Di Leo – dovranno attendere la prossima stagione per poter percepire un nuovo stipendio che potrà coincidere per i più fortunati con il mese di marzo o aprile e per i meno maggio giugno luglio anche con contratti di due mesi rinnovabili ogni due mesi per il periodo della stagione. La stagione nel comprensorio quasi sempre coincide con marzo-ottobre come da accordi territoriali, ma i contratti dei lavoratori ultimamente no e vengono spezzettati e con continue proroghe. I lavoratori chiedono innanzitutto il lavoro, ma in assenza un indennità necessaria per poter sopravvivere con le proprie famiglie e non morire di fame”.

Nei giorni in cui si parla tanto del reddito di cittadinanza, il problema rimarcato dal sindacato è quello del rischio povertà per i lavoratori stagionali, uno spettro che preoccupa le famiglie degli stagionali. Un’emergenza vera sulla quale si chiede al Governo un intervento risolutivo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.