Le amministrative in Sicilia si giocano all'Ars: rischia Zambuto, patto di ferro Calderone-Catalfamo :ilSicilia.it

Si vota anche ad Agrigento

Le amministrative in Sicilia si giocano all’Ars: rischia Zambuto, patto di ferro Calderone-Catalfamo

di
20 Giugno 2020

Le prossime elezioni amministrative in Sicilia iniziano a scaldare gli animi dei deputati regionali, che curano il consenso nei loro territori. In Sicilia saranno 64 i comuni che andranno al voto in autunno, con rischi indiretti – ma non troppo – per la tenuta della maggioranza a Sala d’Ercole non da poco.

Le partite elettorali che si disputano in provincia di Messina e nel capoluogo ad Agrigento, infatti, rischiano di frantumare il centrodestra. Un messaggio chiaro ed evidente che questa partita va giocata con tutte le armi politiche possibili è il continuo rinvio della deroga in merito ai gruppi parlamentari di Ora Sicilia e Lega. Tutto nasce dalla necessità di disporre di quattro deputati per formare un gruppo a Sala d’Ercole. Il comma due dell’articolo 23 del regolamento interno dell’Ars, infatti, parla chiaro: “Ciascun gruppo deve essere costituito da almeno quattro deputati”.

Il capogruppo Antonio Catalfamo
Antonio Catalfamo

Possibile derogare al principio, ma con alcuni paletti: il  comma tre afferma: “L’Ufficio di Presidenza può autorizzare la costituzione di un Gruppo con un numero inferiore di deputati purché questi siano stati eletti in almeno due circoscrizioni, nonché rappresentino partiti o movimenti organizzati nell’intera Regione e/o abbiano rappresentanza, organizzata in Gruppi parlamentari, al Parlamento nazionale”. Ma al momento i partiti di Ora Sicilia e Lega sono in stand by. Sospesi nell’aria. E se il capogruppo della Lega Catalfamo si dice certo e sicuro dell’arrivo della deroga a breve, differente è la visione di Luigi Genovese, capogruppo di Ora Sicilia. Una sua nota inviata agli undici componenti del consiglio di presidenza, mostra tutte le paure e perplessità del caso. Come mai questa diversità di posizione tra i due deputati?

Una risposta potremmo riscontrarla in un paese del Messinese. A Barcellona Pozzo di Gotto da tempo Catalfamo avrebbe stipulato un patto di ferro con un fedelissimo del presidente Miccichè. Il capogruppo di Forza Italia, Tommaso Calderone e  il leghista Catalfamo

Tommaso Calderone
Tommaso Calderone

sponsorizzerebbero la candidatura  a sindaco di Pinuccio Calabrò, avvocato penalista molto noto in paese.

Candidatura, a quanto pare, non condivisa da altri partiti di coalizione. E nonostante l’invito da parte dei rappresentanti del centrodestra a rimodulare il nome di un candidato unitario a Barcellona, i due sembrerebbero fare orecchie da mercante.

Nel messinese gioca un ruolo molto importante anche Italia Viva con il suo Beppe Picciolo. Sembra proprio che il partito di Renzi abbia già bandito una tavola fatta di accordi e strette di mano con il partito di Forza Italia all’Ars. D’altronde alcune votazioni di Italia Viva a Palazzo dei Normanni hanno scoperto il mimetico gioco politico del gruppo parlamentare.

Un’altra ipotesi si riscontra anche ad Agrigento , con le parole del vice presidente dell’Ars Roberto De Mauro sull’apertura politica della Lega di Salvini ai movimenti autonomisti.

Roberto Di Mauro

Dice l’uomo di Raffaele Lombardo: “Leggo con attenzione la linea aperturista della Lega attraverso le parole di Candiani e Minardo per stipulare patti federativi con movimenti autonomisti e regionali che hanno come background intese politiche che spingono alla crescita della Sicilia e delle autonomie locali, in una logica che vede un partito nazionale la Lega assecondare i legittimi interessi dei territori e dei cittadini attraverso politiche settorializzate che mettono al centro le reali esigenze di ripartenza economica e sociale che abbiano come fine ultimo la crescita del popolo siciliano. Siamo stati antesignani nel 2006 di un percorso tra la Lega e Movimento per le autonomie che individuava nella fiscalità di vantaggio, nel federalismo fiscale e nella realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina gli obiettivi prioritari per il rilancio del mezzogiorno”.

Cosa vorrà dire ad Agrigento questo messaggio che lancia De Mauro? Forse che la tanto attesa candidatura  a Sindaco della città del camaleontico Marco Zambuto da parte di Fratelli di Italia e difesa a spada tratta dalla deputata di Diventerà Bellissima

Giusy Savarino inizia a sciogliersi come neve al sole.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.