Le arance siciliane rischiano di marcire sugli alberi :ilSicilia.it

Sarebbero tonnellate e l'intero comparto chiede aiuti concreti al governo Draghi

Le arance siciliane rischiano di marcire sugli alberi

di
9 Marzo 2021

Negli ultimi mesi si sarebbero registrati molti problemi nella raccolta e nella distribuzione delle arance in Sicilia, un danno enorme per tantissimi produttori e imprese di trasformazione dell’intero comparto agrumicolo. Sembrerebbe incredibile ma tonnellate di arance siciliane, soprattutto nel catanese, rischierebbero di rimanere sugli alberi a marcire.

Le condizioni climatiche sfavorevoli, come le piogge di settembre, e i provvedimenti legati al contenimento della pandemia, avrebbero generato una situazione per certi aspetti paradossale. Infatti, la riduzione dei consumi di arance sarebbe anche legata alla chiusura o a una più difficile frequentazione dei bar, ristoranti,  alberghi e mense scolastiche. Fattori che avrebbero contribuito a un innalzamento dei prezzi.

Dalle organizzazioni di categoria è stata presentata al presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci e all’assessore dell’Agricoltura, dello Sviluppo agricolo e della Pesca mediterranea, Antonino Scilla, una richiesta di incontro con lo scopo di trovare una soluzione alla raccolta delle arance, con la speranza che si possa superare nel migliore dei modi un anno molto complicato per il mondo agrumicolo. Inoltre, Confagricoltura Catania chiede un apparato normativo più ampio, un sistema organizzativo più moderno e un catasto agrumicolo.

Inoltre, le organizzazioni di categoria ricordano, che i produttori e le imprese di trasformazione siciliane si trovano in difficoltà anche perché devono andare incontro a costi maggiori rispetto ai propri competitor europei. Una distanza, rispetto alle imprese extra siciliane dovuta a costi di trasporto più elevati. In aggiunta, e in termini più generali, l’Italia e la Sicilia soffrono la competizione produttiva europea e internazionale in quanto devono affrontare un costo del lavoro decisamente superiore rispetto ad altri Paesi. Un situazione che rende l’intera filiera agronomica poco competitiva, aggravata ulteriormente dalle contingenze climatiche e pandemiche.

Inoltre, al Governo Draghi, finora poco attento al mondo rurale, Confagricoltura chiede un maggiore sforzo nell’aiutare l’intero comparto, tenendo pure conto delle ingenti spese che i produttori di agrumi hanno dovuto affrontare per combattere il virus Tristeza che negli ultimi anni ha pesantemente martoriato le coltivazioni agrumicole siciliane. Insomma, tante sono le risposte che gli agricoltori si attendono dal Governo per evitare che una filiera importantissima per l’economia siciliana, come quella agrumicola, vada incontro a conseguenze drammatiche.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti