Le associazioni di categoria fanno fronte comune: "Si modifichi l'art. 97 del codice degli appalti" :ilSicilia.it

Fanno appello alla Regione

Le associazioni di categoria fanno fronte comune: “Si modifichi l’art. 97 del codice degli appalti”

di
21 Febbraio 2019

Per le promesse e gli impegni, il tempo è ampiamente scaduto! Siamo pronti per una grande immediata mobilitazione attraverso la convocazione dei nostri Stati Generali, se, a breve, non si sostituiranno con i fatti le promesse” a scriverlo in un comunicato stampa unitario ANCE Sicilia, CNA, Costruzioni ANAEPA, Confartigianato, CLAAI Sicilia, f.to C. Salamone, f.to L. F.Calabrese, f.to F. Grippaldi, f.to O. Platania, C.R.E.D.A., Confcooperative Sicilia, Legacoop Sicilia, Casartigiani Sicilia, f.to A. Bonifacio, f.to M. Magistro, f.to G. Vallone, f.to M. Pucceri.

Improrogabili le emanazioni di norme concrete, efficaci ed incisive volte a salvaguardare e tutelare le numerosissime piccole e medie imprese siciliane dell’edilizia, unica garanzia e spina dorsale del Settore per lo sviluppo economico ed occupazionale nell’Isola” – si legge ancora nella nota.

Le Federazioni Regionali di: ANCE Sicilia, CNA, Confartigianato, CLAAI, Casartigiani, Legacoop, CONFCOOPERATIVE, C.RE.D.A.; fanno fronte comune e si appellano al presidente della regione siciliana, al Governo regionale, alle forze politiche presenti in assemblea regionale, per il ruolo istituzionale che a loro compete, al fine di correggere l’art. 97 del codice degli appalti, i cui effetti nefasti e devastanti stanno paralizzando un intero settore, che fino a qualche tempo fa era motore trainante dell’economia dell’Isola” proseguono nel comunicato.

I nostri incontri, svolti in collaborazione con le forze di governo e le commissioni parlamentari per la modifica del citato art.97 hanno fin qui prodotto la proposta inserita nel DDL 476 del 13/01/2019 Collegato alla Legge di Stabilità, la cui approvazione consentirebbe alle nostre imprese di potersi aggiudicare l’assegnazione di appalti senza dover obbedire al disastroso criterio dei cinque metodi di calcolo ad incremento costante, che ha prodotto ribassi fino all’attuale 45% e agli Enti Appaltanti di ottenere una maggiore ed oculata esecuzione nella qualità dei lavori eseguiti!
Occorre, ora più che mai, tutelare e difendere i diritti delle imprese sane che… malgrado tutto, non mollano e continuano ad investire per creare sviluppo e lavoro!“.

E’ tempo che le istituzioni ci diano risposte certe in tempi brevi” conclude la nota.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.