Le banche scappano dalla Sicilia, Ella Bucalo:"La provincia di Messina è la più penalizzata" :ilSicilia.it

il commento del deputato nazionale

Le banche scappano dalla Sicilia, Ella Bucalo:”La provincia di Messina è la più penalizzata”

di
2 Dicembre 2019

Niente alta velocità, autostrade fatiscenti, alta capacità insistente per i porti, grandi aziende che ormai da tempo sono andate via e adesso la stessa strada è percorsa dalle banche. La Sicilia sta morendo ma sembra che non interessi a nessuno”, questo quanto dichiarato dal deputato nazionale Ella Bucalo di Fratelli d’Italia che già nei mesi scorsi si era interessata proprio ad alcune dismissioni di Unicredit.

Nella nostra Regione a dicembre 2018 erano attive solamente 59 banche con 1.273 sportelli aperti, circa 200 in meno rispetto al 2017. Quest’anno ci sarà un ulteriore calo se è vero per come è stato ufficializzato dall’assessore regionale all’Economia, Gaetano Armao che un quarto dei comuni dell’Isola (102) è privo di sportelli bancari“, aggiunge il deputato.

In provincia di Messina la situazione è a dir poco scandalosa con 59 comuni, su 109 senza sportello! Il governo nazionale è complice di questa situazione, il reddito di cittadinanza che come Fratelli d’Italia abbiamo più volte bocciato, non fa bene ai giovani che lasciano la Sicilia perché manca il lavoro”, afferma Ella Bucalo.

L’ultima grande opera completata nel 2005, è stata l’autostrada Messina – Palermo, mentre da 8 anni a questa parte assistiamo a stucchevoli passerelle e autorevoli promesse che restano ovviamente tali. Invito i colleghi della deputazione nazionale ad un tavolo di confronto e consultazione che superi le logiche partitiche e nell’interesse della nostra Terra, si impegni a realizzare qualcosa di veramente utile”, conclude la deputata di Fratelli d’Italia.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.