Le Camere di Commercio di Ragusa e Siracusa rimangono autonome. Abortisce la Camera della Sicilia Orientale | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Una decisione che se da un lato placa gli animi dei ribelli dall'altro, di fatto, fa abortire la Camera di Commercio della Sicilia Orientale

Le Camere di Commercio di Ragusa e Siracusa rimangono autonome. Abortisce la Camera della Sicilia Orientale

di
5 Maggio 2017

Le Camere di commercio di Ragusa e Siracusa, e di conseguenza anche quella di Catania, resteranno distinte e autonome. Lo ha stabilito ieri la Conferenza unificata Stato-Regioni. Una decisione che se da un lato placa gli animi dei ribelli dall’altro, di fatto, fa abortire la Camera di Commercio della Sicilia Orientale, che avrebbe dovuto accorparle tutte e tre in un unico grande ente.

Per il presidente della Regione, Rosario Crocetta, “questo risultato è il frutto del lavoro congiunto che ha fatto la Regione siciliana con il Ministero dello Sviluppo Economico e rivela l’attenzione che la presidenza della Regione ha nei confronti del territorio di Siracusa”. Il governo nazionale, su richiesta del sottosegretario Gentile ha rinviato la ratifica della decisione di una settimana, quando si riunirà nuovamente la Conferenza.

In altre parole tutto rimane così com’è. In questo lembo d’Italia la riforma del sistema camerale, voluta dall’allora governo Renzi, “non s’ha da fare”.
Perchè? Le motivazioni sono molteplici e riguardano gli interessi in gioco, gli equilibri di potere e la rappresentanza territoriale. Da queste sono scaturite accuse, veleni ed inchieste giudiziarie.

La fusione, infatti, avrebbe dato in mano al vertice del nuovo organismo il pieno controllo della Sac che gestisce l’aeroporto internazionale Fontanarossa, il quinto d’Italia per volume di traffico. La società vanta un fatturato di 60 milioni di euro e un patrimonio di 160. Una realtà molto ambita non solo per il suo valore, ma perchè da qui passano tutte le scelte che riguardano l’aeroporto. Oggi le Camere di Catania, Siracusa e Ragusa possiedono ognuna quote di minoranza, che se messe assieme arriverebbero al 52,5%.
La nuova governance che sarebbe venuta fuori dall’accorpamento, inoltre, avrebbe avuto voce in capitolo anche per quanto riguarda il piccolo ma strategico aeroporto di Comiso, gestito dalla società Soaco controllata per i 6/8 dalla stessa Sac.

Ecco perchè ottenere la presidenza della Camera di commercio della Sicilia Orientale sarebbe stato ancora più importante. E qui arriviamo al secondo nodo della questione, ovvero lo scontro tra le due fazioni in campo che si contendono la tolda di comando. La prima capitanata da Confcommercio, guidata da Pietro Agen, la seconda da Confindustria, guidata da Ivan Lo Bello. Alla luce del maggior numero di aziende ed imprese associate Confcommercio aveva ottenuto la maggioranza di seggi nel consiglio camerale. Agen, attuale presidente della Camera di commercio di Catania, sarebbe così passato al vertice del nuovo ente. Ma secondo i vertici di Confindustria gli elenchi degli iscritti depositati da Confcommercio e da altre associazioni a lei riconducibili sarebbero gonfiati, con imprese iscritte a loro insaputa. Da qui l’esposto presentato presso la Procura etnea, che ha spinto i magistrati ad avviare un’inchiesta.

Nel frattempo alcuni componenti del consiglio della Camera di Commercio di Siracusa, presieduta da Ivan Lo Bello, ricorrono al Tar sostenendo che nella procedura di unificazione sarebbero state commesse diverse irregolarità. A rendere il clima ancora più incandescente lo spostamento da Augusta (in provincia di Siracusa) a Catania della sede dell’Autorità portuale della Sicilia Orientale. Una notizia che fa andare su tutte le furie non solo i rappresentanti del tessuto produttivo locale, ma anche quelli politici.

E’ in questo contesto che il presidente Crocetta decide di stoppare tutto e chiedere al ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, di valutare la possibilità di escludere Ragusa e Siracusa dalla fusione. Oggi dopo due mesi di attesa il verdetto con il quale le istituzioni, senza entrare nel merito delle questioni, intendono rinunciare a qualsiasi tipo di cambiamento pur di sedare i conflitti. Basterà mantenere lo status quo per risolvere tutti i problemi?

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin