Le chiacchiere di Carnevale. Origini e ricetta :ilSicilia.it

Gli storici le fanno risalire all’epoca romana

Le chiacchiere di Carnevale. Origini e ricetta

22 Febbraio 2019

Prima di darvi la ricetta delle “chiacchiere“, che ci fanno tuffare nell’allegria del Carnevale, vogliamo raccontarvi le loro origini. Gli storici le fanno risalire all’epoca romana e ai “frictilia“, dolcetti a base di uova e farina, fritti nel grasso del maiale e preparati dalle donne per festeggiare i Saturnali, festività corrispondente al nostro Carnevale e dedicata al dio Saturno in cui, per un giorno soltanto, si prevedeva il rovesciamento dell’ordine sociale, la chiusura delle scuole e la sospensione delle attività di guerra. Apicio, uno dei più raffinati buongustai dei tempi antichi, descrive così la loro preparazione nel suo “De re coquinaria”: “Frittelle a base di uova e farina di farro tagliate a bocconcini, fritte nello strutto e poi tuffate nel miele”.

Ma perché si chiamano chiacchiere? Il motivo potrebbe essere ricercato nel fatto che con pochi ingredienti se ne possono fare molte, proprio come con le parole. Mi piace fare mio quanto scrisse Stanisław Jerzy Lec, nei Pensieri spettinati del 1957, “Basta la parolail resto è chiacchiera“, mutuandolo in: “Basta le parole, adesso solo chiacchiere“. Dopo queste divagazioni, passiamo alla ricetta.

Ricetta delle Chiacchiere

Ingredienti:

  • 500 g farina 00
  • 4 uova
  • 1/2 cucchiaio di zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • 100 g burro
  • 1 bicchierino di grappa o di malvasia o di marsala
  • olio di semi di arachide per friggere

Procedimento:

Impastate la farina con le uova e lo zucchero. Aggiungete al composto il burro ammorbidito, un pizzico di sale, il bicchierino di grappa e lavoratelo con le mani finché risulterà liscio e non troppo duro.

Coprite l’impasto con un canovaccio e lasciatelo riposare per circa un’ora.

Nel frattempo, scaldate l’olio di semi di arachide in un pentolino con i bordi alti e spolverizzate il piano di lavoro e il mattarello con un po’ farina.

Trascorso il tempo di riposo, stendete la sfoglia con il mattarello e, utilizzando una rotellina dentellata, formate delle striscioline lunghe 10-12 cm e larghe 1 cm.

Non appena l’olio sarà caldo, tuffateci le chiacchiere e giratele in modo da dorarle su entrambi i lati.

A questo punto, toglietele dall’olio e adagiatele su un foglio di carta assorbente e cospargetele di abbondante zucchero a velo.

Buone chiacchiere a tutti.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.