Le dighe cadono a pezzi: miliardi di litri d'acqua finiscono in mare a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

Oltre due milioni di metri cubi sprecati

Le dighe cadono a pezzi: miliardi di litri d’acqua finiscono in mare a Palermo

di
15 Dicembre 2018

Oltre due milioni di metri cubi d’acqua della diga Rosamarina di Caccamo, in provincia di Palermo, finiscono in mare. Il motivo? Con il maltempo previsto per questo week end si teme che la cubatura aumenti ma l’indotto non ce la farebbe a contenere tutto.

La Regione, quindi, è corsa ai ripari e ha scritto all’Amap, l’azienda che si occupa della gestione dell’acqua pubblica nel Capoluogo, che avrebbe svuotato buona parte della diga. Intanto Balestrate e Partinico, sono già a secco per via dei lavori di manutenzione.

Rosamarina acqua torbidaGettare in mare acqua “buona” in una regione in cui si dà del “tu” alla siccità potrebbe sembrare concettualmente un ossimoro pirandelliano ma non è proprio così. Vero è che se tutte le crepe presenti nelle dighe venissero riparate si potrebbe tirare a campare di gran lunga molto di più rispetto alla sicula consuetudine ma ancor più vero è che non si può correre il rischio di un invaso che tracima a causa delle piogge.

Nello specifico: al momento la Rosamarina può contenere, all’incirca, 60 milioni di metri cubi mentre a lavori ultimati arriverebbe fino a cento milioni. Questo consentirebbe di far fronte anche alle precipitazioni che finora non sono mancate. Da evidenziare che fino a qualche tempo fa la capienza era comunque maggiore: all’epoca si trattava di 75 milioni di metri cubi d’acqua. Questo vuol dire che i danni all’interno della struttura sono aumentati.

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, è stato messo al corrente delle operazioni di scarico e si è detto disponibile ad aiutare con tutti gli strumentiRosamarina acqua torbida dell’Amministrazione le attività del commissario straordinario per l’emergenza idrica, il governatore Nello Musumeci.

Il presidente dell’Amap, Maria Prestigiacomo, dal canto suo ha dichiarato di essere disponibile a qualunque tipo di confronto per evitare una nuova emergenza idrica e per evitare di incappare nelle pastoie burocratiche che rischiano di ingolfare le attività.

Intanto è previsto per martedì 18 dicembre, un incontro tra Regione e Amap per aprire un tavolo programmatico inerente alla questione.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.