Le Iene avevano ragione: "Le firme del M5S sono false". La conferma dei periti | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti
Palermo

Gli esperti grafologi inchiodano i grillini

Le Iene avevano ragione: “Le firme del M5S sono false”. La conferma dei periti

di
17 Gennaio 2017

firme false m5s ieneSono circa 200 le firme false depositate per sostenere la lista del M5S alle comunali del 2012 a Palermo: è la conclusione della consulenza grafica disposta dalla Procura del capoluogo che ha incaricato dell’analisi un pool di esperti. La relazione è stata consegnata questa mattina al procuratore aggiunto Dino Petralia e alla pm Claudia Ferrari che coordinano l’indagine.

La “risposta” degli esperti grafologi aggiunge un importante tassello all’inchiesta avviata da Filippo Roma, de “Le Iene”, dopo la segnalazione dell’ex attivista 5 stelle Vincenzo Pintagro.

Le indagini aperte nei mesi scorsi dai magistrati, coinvolge 13 persone: parlamentari nazionali e regionali del movimento, attivisti e un cancelliere del tribunale di Palermo, Giovanni Scarpello. Tra i grillini coinvolti, Samantha Busalacchi e Alice Pantalone, le prime ad essere sentite, si sono sottoposte al saggio grafico, avvalendosi però della facoltà di non rispondere. I deputati Riccardo Nuti, Claudia Mannino e Giulia Di Vita, invece, si opposero anche alla perizia grafica.

I periti ora confermano la ricostruzione di Pintagro a Le Iene, e Claudia La Rocca, la deputata regionale che per prima ammise le proprie responsabilità, seguita poi dal collega Giorgio Ciaccio.
Dalla consulenza emergerebbero anche gli autori delle falsificazioni, che sono tra gli indagati. Le persone coinvolte rispondono per la materiale riproduzione delle firme, mentre altre per il concorso nel reato (sarebbero state presenti mentre i compagni del movimento ricopiavano dalle originali le firme).

firme-m5s-nuti
Riccardo Nuti e Claudia Mannino

Nel registro degli indagati sono stati iscritti i deputati Riccardo Nuti, Claudia Mannino e Giulia Di Vita, Pietro Salvino, marito della Mannino, i parlamentari regionali Claudia La Rocca e Giorgio Ciaccio, il cancelliere del tribunale Giovanni Scarpello, gli attivisti Samantha Busalacchi, Francesco Menallo, Stefano Paradiso, Giuseppe Ippolito, Alice Pantaleone e Riccardo Ricciardi, marito della parlamentare Loredana Lupo che non è indagata.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco