Le "Lamentanze" quest'anno non vanno in processione ma accompagnano il dolore per i morti | VIDEO :ilSicilia.it

un rito di pasqua vissuto solo da lontano

Le “Lamentanze” quest’anno non vanno in processione ma accompagnano il dolore per i morti | VIDEO

di
10 Aprile 2020

Guarda il video in alto

Cristo quest’anno non va in processione. Il lutto ha investito il pianeta in maniera inimmaginabile e la “truccula” suona da mesi tra le vie strette di decine di città e paesi, da nord a sud. E ci ricorda la caducità di ogni cosa e ci racconta la morte, migliaia di sudari che ancora non trovano pace e un giusto sepolcro dal quale risorgere nel ricordo di chi li ha amati.

Abbiamo compreso in poche settimane quanto siano futili tutti i nostri orpelli: vestiti, scarpe, borse, accessori per la casa. Tutto. Il valore delle nostre tradizioni però rimane immutato, anche se dovremo farne a meno, almeno per ora.

Quest’anno la ritualità della Pasqua in Sicilia non va in scena. Le Confraternite non si vestiranno con le loro cappe, non si incappucceranno, non germoglieranno i semi di grano per testimoniare la rinascita, perché l’Addolorata sta già accompagnando tutti i suoi figli morti, uccisi dal male oscuro del nostro tempo.

Non poteva non esserci accanto alle bare sole e dentro ai camion dell’esercito, mentre figli e nipoti, mariti o mogli, piangevano da lontano senza poter dare l’ultimo saluto ai propri cari.

E i martori, le casazze hanno già raccontato i martiri, la passione di migliaia di donne e uomini condannati a morte senza giusta causa. Chiusi in stanze d’ospedale in compagnia dei loro respiratori, lucidi, doloranti, come i colpi inferti all’Ecce homo. Ferite aperte che continuano a sanguinare.

Ma come mi suggerisce il mio amico Giacomo, la Settimana Santa in Sicilia è unica. Si tratta di un insieme di tradizioni secolari tramandate oralmente da generazione in generazione, che si ripetono in un’atmosfera surreale, un misto tra sacro e profano che ci travolge con impeto, da sempre.

Per non parlare dei “lamenti”, quei canti polifonici che narrano la passione e morte di Cristo, il dolore della madre, lo strazio dell’assenza. Opere uniche, che davvero andrebbero annoverate tra i patrimoni immateriali dell’umanità.

Le storiche lamentanze rischiano l’estinzione, poche sono le realtà siciliane in cui ancora è possibile ascoltarle inebriandosi della storia e della nostra cultura popolare. Un paese di questi è Alimena, borgo delle Madonie, in provincia di Palermo.

Quest’anno mi piace pensare che le storiche lamentanze accompagnino da lontano il dramma delle tante famiglie che ancora stanno lottando per uscir fuori da questo incubo. Che siano la colonna sonora delle tante vittime senza nome che abbiamo imparato a conoscere in questi mesi di solitudine.

Vi regaliamo un video struggente dei cori polifonici di Alimena del 2019, di alcuni dei “miei lamentatori”, come mi piace definirli e, le foto di Pippo Albanese, un modo gentile per ricordarci di noi e di ciò che siamo stati e torneremo ad essere.

Un pianto che accompagna il nostro venerdì santo e la crocifissione dei nostri 18 mila Cristi!

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.