"Le Lasagne cacate": una bontà da mangiare a Capodanno | LA RICETTA :ilSicilia.it

Bontà di un dì di festa

“Le Lasagne cacate”: una bontà da mangiare a Capodanno | LA RICETTA

di
30 Dicembre 2019

Il nostro viaggio culinario ha per protagonista un primo piatto delle feste, che si mangia a Palermo per Capodanno: Le lasagne cacate.

Il nome bizzarro e, sicuramente, poco attrattivo quanto, invece, è la ricetta che vi daremo, pare sia stato scelto per dare l’idea di un condimento traboccante e che cadesse dall’alto quasi come fosse manna.

Questo piatto della nostra tradizione culinaria, ricco di sapore, deve essere mangiato obbligatoriamente il primo gennaio perché c’è un proverbio che afferma: “Pi capu d’annu lasagni cacati e tino (vino) a cannata bon sangu fannu pri tutta lannata” e quale impavido oserebbe contraddire o contravvenire a quanto detto da una massima popolare? Tra le fonti siciliane troviamo il grande Giuseppe Pitrè, storico, filologo, letterato, considerato il fondatore della scienza folkloristica, che fa riferimento a un tipo di “lasagne lunghe e ondulate che si mangiano a Capodanno condite con la ricotta” a Palermo e Mazara del Vallo, attraverso la documentazione dell’ALI, Atlante Linguistico Italiano dove, però, gli sciabbò sono lasagne arricciate non elette, però, a cibo della festa. Pitré, invece, in Spettacoli e Feste scrive a proposito del Capodanno:

«Una specialità culinaria di questo giorno sono certe larghissime lasagne incannellate, dette scibbò o sciabbò (pappardelle), condite con ricotta. In Palermo, come nella più parte della Sicilia, l’uso è generale, e le botteghe dei pastai tengono in mostra queste pappardelle per rallegrare i loro negozi e attirare avventori»

Probabilmente furono chiamate così per prendere in giro le più elaborate e impasticciate pietanze della cucina aristocratica siciliana ma, passando dal Pitrè a Gaetano Basile, ascoltiamo la sua definizione di pasta cacata, considerata dal famoso giornalista, narratore ed enogastronomo, il primo piatto dell’Immacolata e non di Capodanno. Basile continua dicendo che, unendo sugo e ricotta, si ottiene quella salsa cremosa che i nostri avi versavano sullo “sciabò” , si ritorna al termine già citato, un formato di pasta largo con una parte liscia e l’altra riccia a ricordare il francese jabot, (letteralmente parte dell’esofago di alcuni uccelli, utilizzato per trattenere il cibo), che era una specie di cravatta fatta di trine e stoffa pieghettata che, nel’700, copriva il davanti della camicia maschile.

Da questo abbellimento così chic si passa a questa pasta goduriosa, che lo ricorda per il formato, che che si potrebbe definire un “piatto vastaso” perché ricco di gusto, bontà e calorie che non vuole il formaggio, visto che a troneggiare deve essere la ricotta. Adesso, però, è il momento di realizzare questa festosa e conviviale luccumarìa.

Ingredienti per 6 persone:

  • 600 g di Lasagne
  • 500 g di ricotta di pecora
  • 200 g di carne di vitello
  • 200 g di carne di maiale
  • 200 g di puntine di maiale
  • 100 g di cotenna di maiale
  • 150 g di salsiccia di maiale
  • una cipolla media
  • un bicchiere di vino rosso
  • 150 g di concentrato di pomodoro
  • due foglie d’alloro
  • 2 chiodi di garofano
  • formaggio grattugiato
  • olio di oliva e sale q.b.

Procedimento:

  1. In una padella riscaldate l’olio e fate appassire la cipolla finemente tritata. Togliete la cipolla e fate rosolare la carne, vitello, maiale, le puntine, la cotenna e la salsiccia privata del budello.
  2. Sfumate con il vino e aggiungete il concentrato di pomodoro sciolto precedentemente in acqua, la cipolla imbiondita, i chiodi di garofano, le due foglie d’alloro e fate cuocere a fuoco lento per qualche ora.
  3. A cottura quasi ultimata, ponete in una ciotola piuttosto ampia la carne, la cotenna, tagliate quest’ultima a listerelle sottili, sfilacciate la carne e le puntine. Fatto ciò, riversate tutto in padella, togliete le due foglie d’alloro, mantecate bene e fate restringere il ragù a fuoco molto lento.
  4. Nel frattempo lessate al dente le lasagne, scolatele, versatele e amalgamatele con abbondante sugo, ricoprendo di ricotta.
  5. Servite a parte il formaggio grattugiato, che non dovrebbe starci, ma qualcuno ama.

Buon Capodanno con questo straordinario piatto della nostra tradizione.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Cronaca

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.