Le lentezze dell’INPS: i docenti precari rimarranno per mesi senza la disoccupazione? :ilSicilia.it

IN ATTESA DELLA NASPI

Le lentezze dell’INPS: i docenti precari rimarranno per mesi senza la disoccupazione?

di
24 Giugno 2020

È ormai trascorso l’anno scolastico e il 30 giugno quasi duecentomila insegnanti precari verranno licenziati dal Miur per essere assunti tra settembre e ottobre.

Nel frattempo, questo esercito di docenti, non andrà in vacanza come i loro colleghi di ruolo, ma inoltreranno richiesta di disoccupazione all’Inps, la cosiddetta Naspi che corrisponde a circa il 75% dello stipendio percepito.

Questo momento storico ha mostrato tutti i limiti della lentezza della nostra burocrazia, quando le emergenze si trasformano in emergenze collettive occorre una velocizzazione dei tempi di espletamento delle pratiche. Tante sono le famiglie che in questi mesi di pandemia hanno perso il lavoro o si sono ritrovati all’improvviso a richiedere la cassa integrazione o i bonus concessi dal governo e troppi sono ancora quelli che non hanno ricevuto nulla.

C’è un tempo che non può aspettare altro tempo e gli insegnanti precari oggi temono questa lentezza visto il carico di lavoro dell’INPS. Sarebbe un vero problema se la Naspi non arrivasse alle famiglie che si trovano già in grandi difficoltà.

È un appello accorato quello dei docenti precari che chiedono: “Una maggiore responsabilità da parte di chi queste pratiche dovrà lavorarle per fare in modo che si rispettino le scadenze dei pagamenti. Per noi è fondamentale che la nostra disoccupazione venga pagata nei tempi stabiliti dalla legge. La pandemia non può rallentare proprio gli aiuti a chi ha più bisogno. Non sappiamo ancora quando e come entreremo a scuola a settembre, non sappiamo ad oggi se la disoccupazione riuscirà a coprire tutti i mesi in cui, non per colpa nostra, non potremo lavorare. Come faremo nel frattempo?”.

A lanciare l’allarme è Giovanna D’Agostino, Presidente dell’Associazione Insieme per il sostegno, docente precaria e madre adottiva e affidataria di due bambine: “In questi mesi abbiamo lavorato in maniera instancabile con la didattica a distanza, in moltissimi casi siamo stati e continuiamo ad essere supporto economico per le nostre famiglie. La lentezza della lavorazione delle pratiche non fa ben sperare, ma come faranno duecentomila docenti precari ad andare avanti senza un lavoro?”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.