Le lentezze dell’INPS: i docenti precari rimarranno per mesi senza la disoccupazione? :ilSicilia.it

IN ATTESA DELLA NASPI

Le lentezze dell’INPS: i docenti precari rimarranno per mesi senza la disoccupazione?

di
24 Giugno 2020

È ormai trascorso l’anno scolastico e il 30 giugno quasi duecentomila insegnanti precari verranno licenziati dal Miur per essere assunti tra settembre e ottobre.

Nel frattempo, questo esercito di docenti, non andrà in vacanza come i loro colleghi di ruolo, ma inoltreranno richiesta di disoccupazione all’Inps, la cosiddetta Naspi che corrisponde a circa il 75% dello stipendio percepito.

Questo momento storico ha mostrato tutti i limiti della lentezza della nostra burocrazia, quando le emergenze si trasformano in emergenze collettive occorre una velocizzazione dei tempi di espletamento delle pratiche. Tante sono le famiglie che in questi mesi di pandemia hanno perso il lavoro o si sono ritrovati all’improvviso a richiedere la cassa integrazione o i bonus concessi dal governo e troppi sono ancora quelli che non hanno ricevuto nulla.

C’è un tempo che non può aspettare altro tempo e gli insegnanti precari oggi temono questa lentezza visto il carico di lavoro dell’INPS. Sarebbe un vero problema se la Naspi non arrivasse alle famiglie che si trovano già in grandi difficoltà.

È un appello accorato quello dei docenti precari che chiedono: “Una maggiore responsabilità da parte di chi queste pratiche dovrà lavorarle per fare in modo che si rispettino le scadenze dei pagamenti. Per noi è fondamentale che la nostra disoccupazione venga pagata nei tempi stabiliti dalla legge. La pandemia non può rallentare proprio gli aiuti a chi ha più bisogno. Non sappiamo ancora quando e come entreremo a scuola a settembre, non sappiamo ad oggi se la disoccupazione riuscirà a coprire tutti i mesi in cui, non per colpa nostra, non potremo lavorare. Come faremo nel frattempo?”.

A lanciare l’allarme è Giovanna D’Agostino, Presidente dell’Associazione Insieme per il sostegno, docente precaria e madre adottiva e affidataria di due bambine: “In questi mesi abbiamo lavorato in maniera instancabile con la didattica a distanza, in moltissimi casi siamo stati e continuiamo ad essere supporto economico per le nostre famiglie. La lentezza della lavorazione delle pratiche non fa ben sperare, ma come faranno duecentomila docenti precari ad andare avanti senza un lavoro?”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin