Le mani della mafia sul turismo da diporto a Taormina, 43 indagati :ilSicilia.it
Banner Bibo
Catania

GIRO D'AFFARI DA 20 MILA EURO AL GIORNO

Le mani della mafia sul turismo da diporto a Taormina, 43 indagati

di
14 Novembre 2019

La Procura di Catania ha chiuso le indagini sulla presunta estorsione da parte della mafia sulle escursioni turistiche effettuate con le barche da diporto da piccoli imprenditori nel tratto di mare davanti all’Isola Bella di Taormina, sia a destra che a sinistra.

Sono complessivamente 43 gli indagati dalla Dda etnea accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione, rapina, usura, intestazione fittizia di beni, trasferimento fraudolento di valori e spaccio di stupefacenti.

Secondo l’accusa, i clan avrebbero messo le mani su un giro d’affari che d’estate era di circa 20 mila euro al giorno, costringendo gli esercenti a cedere quotidianamente una parte dei loro guadagni.

“Pizzo” che il clan Cintorino, legato alla cosca Capppello, condivideva con esponenti della “famiglia” Santapaola-Ercolano che, seppure rivali, facevano affari insieme.

Al centro dell’inchiesta denominata appunto “Isola Bella”, le indagini sul gruppo mafioso Cintorino, attivo a Calatabiano e nel Messinese, tra Giardini Naxos e Taormina, dove è dedito a traffico di droga, estorsioni e usura.

Il 18 giugno scorso militari delle Fiamme gialle hanno eseguito un’ordinanza cautelare nei confronti di 31 persone. Tra i destinatari del provvedimento restrittivo anche Mario Pace, storico componente del clan Cappello già condannato all’ergastolo, che, secondo l’accusa, durante i permessi premio organizzava summit, dava disposizione e ribadiva la propria egemonia nel sodalizio.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin