Le mani della mafia sul turismo da diporto a Taormina, 43 indagati :ilSicilia.it
Catania

GIRO D'AFFARI DA 20 MILA EURO AL GIORNO

Le mani della mafia sul turismo da diporto a Taormina, 43 indagati

di
14 Novembre 2019

La Procura di Catania ha chiuso le indagini sulla presunta estorsione da parte della mafia sulle escursioni turistiche effettuate con le barche da diporto da piccoli imprenditori nel tratto di mare davanti all’Isola Bella di Taormina, sia a destra che a sinistra.

Sono complessivamente 43 gli indagati dalla Dda etnea accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione, rapina, usura, intestazione fittizia di beni, trasferimento fraudolento di valori e spaccio di stupefacenti.

Secondo l’accusa, i clan avrebbero messo le mani su un giro d’affari che d’estate era di circa 20 mila euro al giorno, costringendo gli esercenti a cedere quotidianamente una parte dei loro guadagni.

“Pizzo” che il clan Cintorino, legato alla cosca Capppello, condivideva con esponenti della “famiglia” Santapaola-Ercolano che, seppure rivali, facevano affari insieme.

Al centro dell’inchiesta denominata appunto “Isola Bella”, le indagini sul gruppo mafioso Cintorino, attivo a Calatabiano e nel Messinese, tra Giardini Naxos e Taormina, dove è dedito a traffico di droga, estorsioni e usura.

Il 18 giugno scorso militari delle Fiamme gialle hanno eseguito un’ordinanza cautelare nei confronti di 31 persone. Tra i destinatari del provvedimento restrittivo anche Mario Pace, storico componente del clan Cappello già condannato all’ergastolo, che, secondo l’accusa, durante i permessi premio organizzava summit, dava disposizione e ribadiva la propria egemonia nel sodalizio.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.