23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.38
Palermo

Blitz all'alba della polizia

Le mani della mafia sulla festa parrocchiale, blitz a Palermo

22 Maggio 2018

Le mani della mafia erano arrivate a controllare anche la festa della chiesa del Sacro Cuore di Gesù. Nel quartiere Noce di Palermo, infatti, Cosa nostra si sarebbe riappropriata di quel ruolo di controllo del territorio che un tempo era tipico dell’organizzazione mafiosa.

Stamattina all’alba, un’operazione della Polizia di Stato, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, ha portato all’arresto di undici persone. Impegnati oltre 100 uomini della Squadra Mobile. L’inchiesta è stata coordinata dal procuratore di Palermo Francesco Lo Voi, dall’aggiunto Salvo De Luca e dai pm Roberto Tartaglia, Annamaria Picozzi e Amelia Luise.

Gli arrestati sono accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa, trasferimento fraudolento di valori aggravato dal metodo mafioso, estorsione aggravata dal metodo mafioso. Effettuate anche perquisizioni e sequestri di alcuni beni mobili e immobili di pertinenza degli indagati.

Stando alle ricostruzioni dei magistrati, i boss della famiglia mafiosa avrebbero avuto “il ferreo controllo del territorio con il sistematico tentativo di imporre il pizzo”. Chi non si piegava alle richieste era fatto oggetto di “pesanti ritorsioni come nel caso di un commerciante cui era stata incendiata la casa quale conseguenza al suo diniego di sottomettersi al racket”.

“Significativo anche il tentativo dell’organizzazione mafiosa di ottenere la sponsorizzazione religiosa in occasione di una festa rionale interamente studiata e gestita da Cosa Nostra al fine di raccogliere quanto più denaro possibile da destinare al sostentamento degli affiliati e dei familiari dei detenuti mafiosi”.
In pratica,secondo gli inquirenti, avveniva che i venditori ambulanti ammessi a montare le loro bancarelle nella festa sarebbero stati costretti a versare alla mafia l’intero ricavato delle vendite.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.