Le nuove ex Province, Musumeci ora prova a rilanciarle :ilSicilia.it

La proposta del governatore

Le nuove ex Province, Musumeci ora prova a rilanciarle

di
4 Gennaio 2018

In fondo siamo tutti il risultato della nostra storia. Di una provenienza e di un percorso. Da un’origine alla sua evoluzione.

Ieri, nel corso della conferenza stampa sui rifiuti, il presidente della Regione Musumeci ha parlato, ancora una volta, a lungo, della possibilità di dotare di nuove competenze e funzioni, le ex Province: “che voi amate chiamare liberi consorzi”, ha commentato, tra il serio e il faceto.

A parte il fatto che a chiamarli Liberi consorzi ha provveduto una delle sette sciagurate leggi che nell’ultima legislatura hanno stracciato, dopo averle depotenziate, le ex Province siciliane, nel ragionamento del governatore di centrodestra è emerso con rinnovata chiarezza anche il fatto che gli enti di area vasta avranno anche, Corte costituzionale, permettendo la possibilità di eleggere i propri organi di governo.

È stata una battaglia politica condotta dallo stesso Musumeci e adesso la politica dà al nuovo presidente della Regione la possibilità di dimostrare che è possibile passare dalle parole ai fatti, legiferando in continuità con le promesse fatte agli elettori.

È pur vero che dalla legge 9 del 1986 in poi le ex Province non sono state sempre modelli virtuosi a prova di errore. Come del resto molti degli enti locali e dei sottogoverni che hanno riempito la Sicilia delle clientele, che per semplicità, si definisce cuffariana, ma intorno alla quale, l’intero arco parlamentare di partiti che hanno intercettato consenso nell’Isola negli ultimi venti anni, hanno ampiamente vissuto.

La riforma Delrio, nata male e finita peggio, ha rappresentato il paradigma renziano di un voto di pancia da dare in pasto all’escalation pentastellata, ma per il resto ha significato ben poco.

Oggi, sostiene Musumeci, competenze dall’edilizia popolare, alla motorizzazione, dai rifiuti, ad alcuni servizi socio-assistenziali, potrebbero transitare nel nuovo rigenerato contenitore.

Prima però ci sarà da risanare gli enti sull’orlo del dissesto, stabilizzarne i precari e controllare l’esodo dei dipendenti. Solo poi, si sarà definitivamente superato il “complesso di Giletti”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.