Le "Olivette di Sant'Agata", dolcetti da leggenda [La ricetta] :ilSicilia.it

Catania e le tradizioni legate alla sua Santa Patrona

Le “Olivette di Sant’Agata”, dolcetti da leggenda [La ricetta]

di
30 Gennaio 2019

Oltre alle “Minne di Sant’Agata“, la tradizione catanese tramanda da generazione in generazione “Le olivette di Sant’Agata“, dolcetti di pasta reale di colore verde e ricoperti di zucchero, che si possono gustare dal 3 al 5 febbraio, nei giorni dei suoi festeggiamenti. Ma perché la scelta questi frutti?

Una leggenda narra che Agata, inseguita dagli uomini del proconsole Quinziano e giunta ormai nei pressi del palazzo pretorio, fermatasi un attimo a riposare, vide apparire dal nulla un albero di ulivo sotto cui ripararsi e da cui cibarsi. Secondo un’altra, più particolareggiata, mentre veniva condotta in giudizio, fermatasi ad allacciarsi un sandalo vide, appena il suo piede toccò il suolo, crescere un albero di ulivo. Secondo una terza, invece, si sarebbe imbattuta per caso in un albero di ulivo sterile che, al suo tocco, avrebbe prodigiosamente cominciato a fruttificare.

I concittadini dopo il suo martirio presero l’abitudine di raccogliere le olive prodotte dall’albero per conservarle o donarle, a simboleggiare il risveglio della natura che, a febbraio, in Sicilia è testimoniato dal mandorlo in fiore che lascia presagire l’arrivo della primavera.

Palermo e il Monastero di Santa Caterina
Non tutti sanno che fino al Settecento la devozione popolare nei confronti di Sant’Agata (una delle Patrone della città) era diffusa anche a Palermo, prima che il culto di Santa Rosalia prendesse il sopravvento. Al monastero di Santa Caterina di Palermo, ad esempio, le olivette venivano preparate dalle monache domenicane per alcune studentesse del pensionato. Dopo anni di ricerca, Maria Oliveri, appassionata di storia e antropologia, ha recuperato e catalogato le antiche ricette conventuali, tra cui questa, nel volume “I segreti del chiostro. Storia e ricette dei monasteri di Palermo“.

Ricetta originale delle “Olivette di Sant’Agata” del monastero di Santa Caterina recuperata da Maria Oliveri

Ingredienti per 20 olivette:

  • 150 g mandorle spellate
  • 150 g di zucchero semolato
  • 1 cucchiaio di liquore rum o strega
  • la punta di un cucchiaino di colorante alimentare verde in polvere

Procedimento

1. Versare lo zucchero in un pentolino con l’acqua. Portare a ebollizione a fiamma bassa.
2. Appena lo zucchero fila, spegnere il fornello e versare la mandorla tritata. Mescolare vigorosamente e aggiungere il colorante.
3. Continuare a mescolare finché il verde non si diffonde in modo uniforme. Aggiungere il rum, sempre mescolando.
4. Lasciare raffreddare il composto sul tavolo, lavorarlo con le mani e ricavare 20 palline, cercando di ottenere una forma un po’ allungata. Rotolare le olive in un piattino con un po’ di zucchero.

Le “Olivette di Sant’Agata” sono pronte per  essere mangiate.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.