Le "Opere Scelte" di Alfonso Leto, viaggio in quarant'anni di attività | GALLERY :ilSicilia.it
Palermo

Fino al 29 aprile

Le “Opere Scelte” di Alfonso Leto, viaggio in quarant’anni di attività | GALLERY

di
24 Marzo 2018

Un viaggio in quarant’anni di attività artistica che porta a “Opere scelte 1977-2018“, la mostra dedicata ad Alfonso Leto, uno degli artisti più originali della generazione italiana contemporanea.

La mostra è un progetto della Fondazione Orestiadi, in collaborazione con Fondazione Sant’Elia, a cura di Marco Meneguzzo, docente dell’Accademia di Brera a Milano e autore di un articolato e documentato percorso di studi sugli artisti siciliani del secondo ‘900.

Palazzo Sant’Elia, dunque, fino al 29 aprile ospiterà l’intero alfabeto espressivo di Leto, declinato e composto nell’arco creativo di quarant’anni di attività: disegni, pitture, combine-painting, mezzi extra-artistici, oggettuali e d’uso concettuale che racconteranno la versatilità e la ricchezza di tecniche e mezzi espressivi delle quali la pittura è mezzo d’elezione.

L’indagine nel mondo di Leto, seguita da Meneguzzo, parte da un’inquadratura storica e consegna alle nuove generazioni una visione d’insieme, complessa ed eterogenea, all’interno di un percorso che, anche quando ricorre ad altri mezzi espressivi, resta comunque fedele a se stesso.

Memoria del passato e senso del futuro, per l’artista, tessono la trama di un continuum sempre, vivificato da una tensione a procedere che si rivela un presente ancora gravido di originalità e tensione creativa.

I codici, ancor più dei linguaggi – ha spiegato il curatore – cambiano abbastanza rapidamente nel corso degli anni, ma lo scopo è sempre lo stesso: la codifica del reale secondo parametri intellegibili. Di fatto, questo è il compito dell’intellettuale, e difatti Leto è prima di tutto un intellettuale, poi un artista, perché dall’arte ha mutuato i suoi codici di riferimento e comunicativi”.

Originario di Santo Stefano di Quisquina, nell’agrigentino, dove vive e lavora, Alfonso Leto viene identificato spesso con l’etichetta di artista eclettico, surrealista, psichedelico.

Definizione che rimanda agli anni Settanta e Sessanta, che lui stesso non rinnega.

La mostra fa parte del grande cartellone di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.