Le Ossa di Morto: dolci della tradizione | LA RICETTA :ilSicilia.it

Bontà siciliane

Le Ossa di Morto: dolci della tradizione | LA RICETTA

di
31 Ottobre 2019

Questa settimana abbiamo deciso di raccontare le origini e la tradizione gastronomica che caratterizzano la “Festa dei Morti“, apparentemente un ossimoro, ma in realtà pregno di senso in quanto per chi crede dovrebbe essere l’inizio della vera vita e, quindi, momento di gioia. Tra i dolci tipici e immancabili del 2 novembre troviamo le “Ossa di Morto“, la cui parte superiore bianca e cava le ricorda.

Questi dolci che, a seconda della località, prendono il nome di Scardellini, Mustazzoli, Paste di Garofano, sono fatti con pochi ingredienti: acqua, farina per dolci, un tempo farina di Maiorca, zucchero, chiodi di garofano e cannella; la preparazione è semplicissima, ma i tempi sono piuttosto lunghi. In passato si faceva credere ai bambini che questi dolciumi, assieme a tutti gli altri, papaccena, i tetù bianchi e marroni, frutta di martorana, frutta secca, erano regali che i cari parenti, ormai abitatori dell’aldilà, portavano loro per addolcire e trasformare un evento malinconico in festoso ricordo. Il Pitrè, parlando di questa tradizione, diceva: “i bambini siciliani usavano lasciare le loro scarpe vecchie in qualche angolo della loro abitazione, per ritrovare poi a loro posto delle scarpe nuove, oppure trovarle ricolme di dolciumi“.

Prima di scendere nei dettagli della ricetta, occorre dire che, per ottenere la loro tipica forma, l’impasto deve essere lasciato a riposare per circa tre giorni, in un luogo asciutto e in modo che la superficie si indurisca. Si presentano come croccanti biscotti costituiti da una base più scura e morbida sormontata da un guscio duro e bianco; ma è arrivato il tempo di passare dal racconto ai fatti.

Ossa di morto

Ingredienti:

  • 1 chilo di farina
  • 1,2 chili di zucchero
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • cucchiaino di chiodi di garofano tritati finemente
  • acqua

Procedimento:

1. Fate sciogliere lo zucchero in un pentolino con l’acqua e i chiodi di garofano. Lasciate raffreddare e filtrate.

2. Mescolate in una ciotola capiente la farina e la cannella.

3. Unite lo sciroppo di zucchero e impastare fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.

4. Su una superficie piana e infarinata, formare un filoncino di circa 3 cm e tagliate dei bastoncini sempre di 3 cm.

5. Appiattite leggermente il volume di ogni bastoncino.

6. Mettete i biscotti in una teglia rivestita con carta forno, distanziandoli l’uno dall’altro.

7. Lasciate indurire la superficie dei biscotti per 3 giorni in un posto caldo e asciutto.

8. Cuoceteli in forno a 180°C per circa 15 minuti o finché la base risulterà di un bel colore brunito e la parte superiore bianca.

9. Fate raffreddare i biscotti sulla teglia e mangiateli molto soddisfatti di voi.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.